Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Nadia Consani

Esalazioni

C'è odore di zolfo nell'aria,
fuoriesce da lenzuoli
di troppa pazienza,
che coprono sfregi
ancora da rimarginare.
Lenzuoli sudici,
lisi,
stracciati,
covano ferite in suppurazione
che la dignità cancellano,
intanto che l'impotenza di reagire
tronca gli arti alla corsa.
C'è fetore di marcio nell'aria,
invade i colori dell'arcobaleno
e lascia il tempo senza ore,
così che il sole muoia
dietro crinali d'infamia.
Basterebbe una pioggia
a lavare lo sdegno,
assennata,
generosa,
che ridoni il verde all'erba
sotto il sole risorto,
che riporti profumo di speranza,
prima che l'odore di zolfo
diventi concretezza.
Composta mercoledì 3 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nadia Consani

    Come una morsa

    Io ti vedo,
    ti vedo riflesso
    con mano protesa
    per dare una carezza,
    o per sferrare rabbia
    col pugno chiuso.
    A volte piangi,
    a volte sorridi,
    ti senti solo, sempre.
    Non bastano le illusioni
    a risvegliare i sensi,
    vuoi di più,
    vuoi una strada vera
    fatta di pietre da levigare,
    io ti vedo,
    la sogni,
    sai che non la troverai.
    Il soffitto scende,
    è sempre più basso,
    ti schiaccia come una morsa,
    ti soffoca,
    aspetti indolente,
    che lo spazio si riduca
    fino a toccare la pelle
    e che sia buio, sempre.
    Io ti vedo,
    alza le mani
    a respingere quel muro!
    Composta mercoledì 26 settembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nadia Consani

      Come sarà morire?

      Sarà come sognare,
      scivolare scarichi
      di ogni sofferenza
      su percorsi di mondi paralleli?
      Vedremo solo buio
      incerti sul cammino,
      camminare sospesi
      claudicando con l'anima inquieta?
      La luce come faro
      di porto dimenticato
      vedere da lontano,
      sarà perdono del nostro divenire?
      Moriremo e basta
      senza più percezione
      della vita passata
      e non avrà senso il nostro soffrire?
      Tutto è probabile,
      niente è fortuito,
      nemmeno l'intelletto
      per vivere e morire senza rimorsi.
      Composta sabato 8 settembre 2012
      Vota la poesia: Commenta