Poesie di Monica Martinelli

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Giannetti

Contraddizione

Quanto, a piangere lacrime
grosse come chicchi di grandine,
quanti inutih tumulti di parole
colorano questo universo di uomini;
quanto il loro odio dissolve
tutto ciò che percorre.
i i ser'sibilita arretra
di fronte a tale infamia,
b co cosa nmane
un firmamento di sofferenza
copra uno spazio vitale
che si consuma per nprodursi
e ancora e sempre
per consumarsi.
Monica Martinelli
Composta martedì 23 luglio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Giannetti

    boomerang

    Quell'uscio che tu varchi di continuo declivio ormai de li più verdi prati chiuso sarà
    per le sinuose chiavi
    che la combinazione del mio cuore seppero così bene disvelare.
    Uscii anch'io e non per il balcone di rose e ortensie rivestito intiero bensì di crisantemi
    che a linfa più di resina vischiosa sopraggiungea rugiada disillusa fendente come lama saracina.
    E le tue finte lame, perfin quelle, cercavan prepotenti e abbiette disposte e malcomposte lo schieramento più soddisfacente.
    La coltre di mattoni mal si addice
    quell'uccello migratore in volo che calce dura e cementosa gradisce men
    del nido impagliuzzato.
    Monica Martinelli
    Composta martedì 23 luglio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Giannetti

      anima stanca

      Con quale coraggio e quale fuga imboccherò una via che non conosco, seguirò un cammino noioso che non mi emoziona tortuoso e ripido.
      Per troppo tempo dovrò dibattermi in un corpo che malvolentieri mi appartiene.
      Come vorrei essere nel lato invece, toccare le cose con le tue mani guardare la realtà coni tuoi occhi o immaginarne un'altra che non esiste; migliore per te, per me.
      Vorrei essere in te anche quando mi accarezzi per sentire ciò che provi.
      Io sono un'anima stanca, stanca di questa vita che mi illude con le sue luci colorate, mi confonde con rumorosi frastuoni
      e mi ricorda che questo è un tempo breve e ingannevole. Non posso che essere infelice
      pensando che morire non è come vivere, e per capire davvero la morte bisognerebbe vivere un'altra volta.
      E se l'eternità non bastasse per ritrovarti?
      Se altrove non potessi più incontrarti?
      Allora, nel cercarti
      non sarò mai un'anima abbastanza stanca.
      Monica Martinelli
      Composta martedì 23 luglio 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di