Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Bepi Zuccollo

Incontro a primavera

Go visto sora un ramo dea nogara,
sola, na tortorela che cantava,
la ghe afidava in gran segreto al vento
sogni e speranse sconte dentro el core.

Su strade caminà, poco distante,
n'altro oselo intonava el stesso canto.
E i desideri, andando alti in celo
guidà dal sole, un dì se ga incontrà.

Le nato alora intesa e armonia
che fa sonar violini e le canpane.
"Lode a la vita" canta el mondo intiero,
cresse l'amor te un gnaro profumà.

(da "Cenacolo Poeti Dialettali: El Geaspo")
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Bepi Zuccollo
    Pubblicata prima del 01/06/2004

    L’aquilon

    A me fiola Laura e a Mirko

    Falo zolare alto
    el to aquilon,
    sora le greste
    che se alsa a pico
    in sima al monte.
    Meteghe ne le ale
    la forsa che ga el vento
    col spassa i buschi e i prà,
    che la profuma
    de mus-cio e de narciso.
    Daghe in regalo
    el corajo de provare,
    el gusto de poder
    capire.
    Combati la paura
    che ‘l te scape via…
    lassalo andare.

    --------

    L’aquilone

    Fallo volare alto
    il tuo aquilone,
    sopra le creste
    che si alzano a picco
    in cima al monte.
    Mettici nelle ali
    la forza che ha il vento
    quando spazza i boschi e i prati,
    che profuma
    di muschio e di narciso.
    Dagli in regalo
    il coraggio di provare,
    il gusto di poter
    capire.
    Combatti la paura
    che ti scappi via…
    lascialo andare.

    Poesia tratta dal libro:
    “Quel che vede el core”
    – Miranda Bille –
    edito da LA SERENISSIMA
    Vota la poesia: Commenta