Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Michele Maddaluno

Consulente, nato a piano di sorrento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

N'paraviso - In paradiso

Si chiur ll'uocchie nu mumento
i stongo aret'o' Rivolo
abbasc Alimuri, ò Cavaliere.
Si chiur ll'uocchie nu mumento
i stongo n'capa a ripa
abbasc Cassano, ò Puorto.
Si chiur ll'uocchie nu mumento
i stong a via Crawford
n'copp e coll e funtanell.
Si chiur ll'uocchie nu mumento
i stongo a piazza Tasso
n'copp o capo e bagni da regina.
Caruotto, Meta, Surriento, Santaniell
i stongo n'paraviso.

Se chiudo gli occhi un momento
io sono dietro a Via Rivolo
giù Alimuri, al cavaliere.
Se chiudo gli occhi un momento
io sono in capo alla ripa
giù cassano., al Porto.
Se chiudo gli occhi un momento
io sono a via Crawford
sopra i colli fontanelle.
Se chiudo gli occhi un momento
io sono a piazza Tasso
sopra al capo ai bagni della regina.
Piano di Sorrento, Meta, Sorrento, Sant'Agnello
io sono in paradiso.
Composta giovedì 7 gennaio 2016
Vota la poesia: Commenta

    Isola d'Ischia

    Na nuvola se posa n'copp a sta muntagna
    che commo ò purp sta a cagnà culore
    nu vient accarezza ò mare, che comma à jatta
    pare che fà e fus
    Pò na pioggia scenne chiano a goccia a goccia,
    comme fossero parole e rumanziere.
    All'intrasatte ò sole arape ò cielo,
    comme s'arapa a porta e casa toia
    scinn a n'cuntrà st'ammore
    è Ischia, culore e fantasia.



    Una nuvola si posa sopra a questa montagna
    che come un polpo sta cambiando colore
    un vento accarezza il mare, che come un gatto sembra faccia le fusa.
    Poi una pioggia scende piano a goccia a goccia
    come fossero parole di romanziere.
    All'improvviso il sole apre il cielo
    come si apre la porta di casa tua
    scendi a incontrare questo amore
    è Ischia, colore e fantasia.
    Composta mercoledì 9 settembre 2015
    Vota la poesia: Commenta

      Napule era

      Annanz à na tazzulella e cafè
      sentev a primma vota pe radio a vocia toja
      mettette panne e creature ò sole
      sciugliennese comme neve all'equatore.
      Sta musica comme na femmena
      e tu o saje comme fa ò core
      trasette dint all'anema e int e vene.
      Si state nu mascalzone latino
      e pure all'ato munno, tu sarraje
      ò musicante e chesta terra mia

      Davanti ad una tazza di caffè
      sentivo la prima volta per radio la tua voce
      misi i panni e i bambini al sole
      si sciolsero come la neve all'equatore.
      Questa musica come una femmina
      e tu lo sai come fa il cuore
      mi entrò nell'anima e nelle vene.
      Sei stato un mascalzone latino
      e pure all'altro mondo tu sarai
      il musicante di questa terra mia.
      Composta lunedì 9 febbraio 2015
      Vota la poesia: Commenta