Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Michele Maddaluno

Consulente, nato a piano di sorrento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

Napule era

Annanz Ó na tazzulella e cafŔ
sentev a primma vota pe radio a vocia toja
mettette panne e creature ˛ sole
sciugliennese comme neve all'equatore.
Sta musica comme na femmena
e tu o saje comme fa ˛ core
trasette dint all'anema e int e vene.
Si state nu mascalzone latino
e pure all'ato munno, tu sarraje
˛ musicante e chesta terra mia

Davanti ad una tazza di caffŔ
sentivo la prima volta per radio la tua voce
misi i panni e i bambini al sole
si sciolsero come la neve all'equatore.
Questa musica come una femmina
e tu lo sai come fa il cuore
mi entr˛ nell'anima e nelle vene.
Sei stato un mascalzone latino
e pure all'altro mondo tu sarai
il musicante di questa terra mia.
Composta lunedý 9 febbraio 2015
Vota la poesia: Commenta

    A' pittata

    Vulesse esser nÓ tela
    pe guardÓ chill'uocchie tuoie
    ca se regnen e culure
    pe vasÓ chella vocca
    c'addeventa nu penniell
    pe te fa sbattere ˛ core
    quanno pitt chist'ammore.

    Vorrei essere una tela
    per vedere gli occhi tuoi
    che si riempiono di colori
    per baciare quella bocca
    che diventa come un pennello
    per farti sbattere il cuore
    quando dipingi questo amore.
    Composta lunedý 2 febbraio 2015
    Vota la poesia: Commenta

      Penziere e parole

      Aropp'nÓ seratÓ fatt a vino e jastemme
      me votte rint'˛ lietto a fronna e rosa
      cercÓn e pigliÓ suonno lemme lemme.
      Antrasatta arteteca me n'gappe, me turcea
      me venene a mente penziere e parole
      che mozzecano comme fosse nÓ jattura.
      So ricordo e quanno era guaglione, pare ajere
      nun me mancava salute e pezza argiento
      m˛ che songo viecchie e sulo, chi me crede.
      Qua tiempo, parole e penziere, che m'porta
      piglio a siggiulella e me metto fora a loggia
      tenenn a mente chesta luna rossa.

      Dopo una serata a ubriacarmi di vino e bestemmie
      mi butto dentro al letto come una foglia di rosa
      cercando di prendere sonno piano piano.
      Improvvisamente mi prende un agitazione, mi torce
      mi vengono in mente pensieri e parole
      che mordono come fossero una sciagura.
      Sono ricordi di quando ero giovane, sembra ieri
      non mi mancava salute e biglietti in denaro
      adesso che sono vecchio e solo, chi mi crede.
      Quale tempo, parole e pensieri, che mi importa
      prendo la seggiolina e mi metto fuori al balcone
      tenendo a mente questa luna rossa.
      Composta domenica 25 maggio 2014
      Vota la poesia: Commenta