Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Miky500blu

La mia vita

Una lunga strada illuminata d'arancio...
costeggiata da fiori di pesco,
è la mia via.

Un tragitto a volte calmo, a volte burrascoso
in cui dominava la ragione pia.

Una strada che si misura in anni e che si allunga ogni dì
e finora ha diciannove! Si! Diciannove l'età mia!

Anime si sono accostate a me per qualche metro per poi cambiare via!
Nella stessa strada, per diversi chilometri,
nel tratto buio... una voce piena di malinconia.

Mi voltai, nella luce ti portai e stringendo le tue mani dissi
"Non sei sola gioia mia! Se ti va,
fino alla fine della strada,
ci faremo compagnia!"
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Miky500blu

    Se non ci fossi tu...

    Se non ci fossi tu... dovrei decantare il Sole,
    in grado di illuminare e riscaldare il mio cuore.
    Se non ci fossi tu... dovrei ascoltare il Mare,
    che con il suo ondeggiare la mente fa viaggiare.
    Se non ci fossi tu... dovrei urlare il mio amore al Vento,
    sperando che possa arrivare all'orecchio giusto e nel giusto momento.
    Se non ci fossi tu... dovrei guardare le Stelle,
    per ritrovare occhi profondi, lucenti e annoverarle tra le belle.
    Se non ci fossi tu... dovrei Addormentarmi,
    per poter sognare di innamorarmi.

    Tu hai un nome, tu ci sei, sei reale...
    Se mi chiedessero se ho mai decantato il sole,
    se ho mai sentito il mare,
    se ho mai visto le stelle,
    se ho mai urlato al vento
    oppure se ho mai sognato...
    io risponderei:
    "Guarda lei! Lì c'è tutto! Dimmi se vado errato...
    In lei c'è ogni cosa che ogni uomo abbia mai sognato!
    Composta giovedì 19 novembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Miky500blu

      Colpo di fulmine

      Un dì di lunedì ti ho conosciuta,
      un'amica ci volle presentare,
      eri molto tranquilla e intimidita,
      ricordo, ti invitai a ballare.

      Di vino vi era in abbondanza,
      ne bevvi più di un sorso,
      sicuramente era abbastanza,
      per guardarti e attaccar discorso.

      Persi da quel giorno le tue tracce,
      fino a quando ad una festa,
      non si incontrarono le facce.

      Io e il mio cuore gridavamo,
      gli occhi tuoi mi suggerivano,
      poi capì e dissi "Ti amo".
      Vota la poesia: Commenta