Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Michele Gentile

Poeta, nato martedì 4 gennaio 1972 a Ostia - Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

edera

Persino la paura teme
la fierezza dell'ignoto
che non si piega ai desideri,
alla speranza.
Non si intenerisce
dinanzi a promesse di complicità
ma potente
ruggisce
dal ferro del futuro.
Ed io,
misero viandante
solo posso farmi governare
nel cuore del cammino
dalla bruma di mare,
ascoltare memorie d'edera
che s'intrecciano ai miei anni
come stelle intorno a un sogno.
Composta venerdì 21 dicembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: bbenry

    Gualtiero

    Forza Gualtiero
    non esser così severo,
    datti da fare, scatena la fantasia
    presto
    presto,
    prima che vada via.
    Non è possibile Gualtiero
    davvero, non mi par vero
    eppur stamane di buon umore
    me ne hai fatte di promesse a colazione.
    Quanti sacrifici per tirarti su
    per farti star bene
    giornate intere io e te insieme
    e se volevo darti una mano in più
    parole oscene.
    Pene dell'inferno,
    merito a tal punto
    di patire?
    Ti prego Gualtiero
    non hai scelto la retta via
    ma stanotte non te la senti di mentire?
    Composta lunedì 17 dicembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      Voce

      Insegnami  tu la rotta
      verso il mare aperto,
      mostrami i verdi sentieri
      che conducono all’eterna vetta.
      Non temere….ti seguirò
      Debole a volte,
      mai sconfitto
      con il desiderio di accompagnare la follia
      fin alla porte dell’orgoglio.
      Piango per  tutti i ti amo
      caduti in battaglia ,
      per i poveri resti
      di una rosa sgualcita
      melodia di pioggia estiva
      la voce tua
      intona
      il dolce profumo della mia dimora.
      Composta domenica 16 dicembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alessandro Mancini

        Mistico Ardore

        Connaturata attitudine al bene
        da tenebrose vie
        marcia
        silente, invisibile
        a conquistare il trono
        della desolazione.
        Funerea falce
        nell'infinito ventre
        oscilla sul capo
        dei condannati a vita.
        Proteggimi
        sacro Leone
        Mistico Ardore,
        lotta per me
        negli avamposti del Caos.
        Offro l'anima mia
        il porto più sicuro,
        divenga chiara
        la trama accuratamente celata.
        Chi di noi teme la follia?
        Composta venerdì 14 dicembre 2012
        Vota la poesia: Commenta