Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Michele Gentile

Poeta, nato martedì 4 gennaio 1972 a Ostia - Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

L'eco del silenzio

Il tramonto incendia la forra
scioglie la valle di pietra.
Si desta la sera
le spose governano i fuochi.
Vende cara la pelle
questo mio dolore,
legittimando il tuo nome
cala il sipario
sulle fredde labbra.
Riposo sulle rive del cuore
mentre tu
t'innamori di un peccato.
Non scavi più tra i ruderi
dei nostri sguardi.
Nulla resta di quell'ardore,
niente s'è salvato.
Notte
che asciughi il mio pianto
notte
senza tempo,
insieme a me
perditi,
almeno tu
dimentica.
Composta lunedì 16 dicembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: bbenry

    Papà

    Esploravo gli abissi delle mie convinzioni
    rovistando tra i panni del mio greve bagaglio,
    cercando una scusa per le misere azioni
    per convincermi che fossero un incredibile sbaglio.
    La realtà della vita è però più evidente
    Il suo vigliacco fetore non inganna la mente
    ogni tua soave, gentil concessione
    presenta un conto spesso troppo oneroso,
    tant'è vero che penso che la tua sola missione
    non sia proprio quella di un Papà generoso.
    Forse ci osservi un po' divertito
    dal tuo infinito giardino fiorito
    e non riesci ogni volta a capire perché
    tra il fango e la merda
    pregano te.
    Composta domenica 8 dicembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      Santa inquisizione

      Chiedo perdono,
      umilmente
      come solo un peccatore
      della mia specie
      può fare.
      Ho inciso questa vita nelle carni
      in profondità,
      sorridendo quand'ero in me
      scrivendo rabbia nei giorni offesi.
      Chiedo perdono
      per aver ucciso la speranza e
      averla seppellita ancora viva.
      Chiedo perdono per aver reciso giovani fiori
      per averli dipinti di nero
      e cuciti sul mio drappo.
      Quale misera umanità rappresento
      quanti errori,
      nei vostri letti sarei stato il benvenuto
      tra il piacere
      e il dovere
      di raccontarvi un uomo nudo...
      chiedo perdono
      chiedo perdono.
      Composta domenica 8 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta