Le migliori poesie di Michele Gentile

Poeta, nato martedì 4 gennaio 1972 a Ostia - Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

Frontiere

Scorci di luce
inattesi
imprevisti vagano
per questo inferno.
Acque di oblio
lacrime, grida senza vita.
Ho sognato un bimbo
che non piangeva,
libero di sbagliare.
Un vago ricordo di Dio
sarà il mio domani.
Un principio senza senno
una casa dove annoiarsi,
il canto dei gabbiani.
Scorza di luce in attesa...
gli abissi sono il mio approdo.
Michele Gentile
Composta giovedì 18 giugno 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: bbenry

    Per sempre

    E proverò a cercarti
    amico mio,
    ho un paio di stelle
    ancora
    da chiederti.
    So che hai da fare
    che non basterà una vita
    per lasciarti andare
    ma ho bisogno che qualcuno
    mi spieghi perché
    è già ora di salutarci.
    Continua a tenermi,
    se capiti da queste parti
    ricordami di insistere.
    Ho ritrovato quel gabbiano,
    se ne andava verso il tramonto
    con ali pesanti di pioggia
    rotta senza bussola;
    lo hai convinto a voltarsi.
    Taciturna cala la sera
    e se torna la voce
    amico mio
    sarà solo per venire
    a chiamarti,
    nel cuore
    nelle parole
    per sempre.
    Michele Gentile
    Composta lunedì 7 aprile 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      Che

      Non si consuma
      questa terra,
      questo sangue d'autunno.
      È dolce l'aria
      Rosario lontana
      dalle tue labbra.
      Ha venti e occhi
      per implorarti ma
      l'alba tarda a sorgere
      ed è il nostro male
      più caro.
      Un nome basta
      a sciogliere le mani,
      giunte restano
      quelle delle madri
      a Santa Clara chine
      sulla promessa di una vittoria.
      Non accadranno altre stelle
      o poderose imprese
      ancora la tua pioggia
      che non sa smettere,
      ancora la mia
      che non si rassegna.
      Michele Gentile
      Composta mercoledì 27 aprile 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: bbenry

        Notte

        Dimmi notte
        chi scorre sulla mia pelle.
        Hai espugnato il firmamento
        e sei caduta senza dire
        una parola.
        Dimmi a cosa pensi
        risalendo il fiume.
        Per salvare la pioggia
        ti apro le mie stanze,
        per ingannare la luna
        ti dono i miei occhi.
        Dimmi notte,
        dimmi in cosa speri,
        se riposi tra rami di stella
        o pensi di cacciare ancora.
        Ci sono giorni possibili,
        solchi da riconoscere;
        i tuoi artigli
        non sono un ripiego.
        Dormi notte,
        dammi torto
        e dimmi
        per chi hai scelto di restare,
        a quale inferno dobbiamo rinunciare.
        Michele Gentile
        Composta martedì 16 febbraio 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: bbenry

          Resilienza

          Prendi pure la mia voce
          gli ornamenti,
          le isole che ho visitato.
          L'ultima parola andrà alla deriva
          in quest'ora di ombre e
          ghiaia.
          Una scheggia di cielo
          in candidi riflessi obliqui
          recide già il silenzio.
          Si fa strada il vento,
          adagiato sulla corteccia del cuore
          ora spicca il volo.
          Tornerà l'indifesa età
          tornerà a chiamarmi
          urlando tutti i disperati giorni
          ma fra le onde, avrò da amarmi
          al di là del torto
          avrò da vivere.
          Michele Gentile
          Composta sabato 6 febbraio 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di