Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Michele Gentile

Poeta, nato martedì 4 gennaio 1972 a Ostia - Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

Ai poeti

Ai poeti dico di non tornare
di insistere, di trovare
altri silenzi da raccontare.
Ai poeti auguro di non svegliarsi
di non attenersi alle regole,
di non lasciare mai un tramonto
in balia del proprio cielo.
Auguro un mare, un deserto,
una lacrima in più da attraversare.
Ai poeti dico di non disperare
quando stillano solitudini,
di camminare anche al buio
perché una carezza di luna
farebbe più male.
Ai poeti dico di sorridere
quando il vento della notte
li trascina via lontano
perché quando tutto è perduto
nuove ali e nuove parole
una volta ancora
offriranno loro
la malinconia di vivere.
Composta giovedì 18 agosto 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: bbenry

    Il rumore bianco

    Sono tornato
    nel cuore della notte
    attraversando parole in declino.
    Zuppo di solitudine,
    fuori da una disperata evidenza
    ho strisciato.
    Non si rassegna il destino,
    spietati abissi germogliano
    sulle creste dell'inquietudine.
    Eppure cresce la quiete
    il rumore bianco delle onde.
    Si avventa sull'oscura nube,
    varca l'amaro sentire
    con pietosa eco di mare.
    Sfuma il canto di morte
    oltre gli argini di questo giaciglio
    si perde.
    Composta martedì 5 aprile 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      Frontiere

      Scorci di luce
      inattesi
      imprevisti vagano
      per questo inferno.
      Acque di oblio
      lacrime, grida senza vita.
      Ho sognato un bimbo
      che non piangeva,
      libero di sbagliare.
      Un vago ricordo di Dio
      sarà il mio domani.
      Un principio senza senno
      una casa dove annoiarsi,
      il canto dei gabbiani.
      Scorza di luce in attesa...
      gli abissi sono il mio approdo.
      Composta giovedì 18 giugno 2015
      Vota la poesia: Commenta