Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Michele Gentile

Poeta, nato martedì 4 gennaio 1972 a Ostia - Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

Zona d'ombra

Non soccombo a queste onde
sereni giorni
incantatori di saccenti.
Crepita la frontiera
crena maleodorante,
tollerando il sonno
del girasole
armo il torace.
Avanzo di un secolo
folate di minuti
a scandire il martirio,
lascio che parli
il mio sangue.
Combatti per la tua libertà,
vieni alla luce.
Cadremo insieme
tenendoci per cuore
sbranati,
cremisi steli ma
fuori dalla zona d'ombra.
Composta sabato 13 giugno 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: bbenry

    RapSodico

    Senso unico
    senso di colpa
    senso di abbandono
    quando chiudi quella porta,
    nel bel mezzo d'una storia
    che finisce senza gloria
    mi ritrovo a riscoprire
    come odiare la memoria.

    Tempo andato
    tempo perso
    tempo di rancori senza senso,
    mentre lascio respirare questo verso
    realizzando che non c'è nulla di diverso
    nel trovarmi in questo mare
    ancora solo
    nel sapermi nuovamente
    ucciso in volo,
    sillabando goffamente
    un cielo azzurro
    andato in pezzi
    come l'eco di un sussurro.

    "Quindi?"

    Come stai
    come sto
    come e quando siamo stati
    già sfiniti e terminati
    ritornati e mai partiti
    per quel tempo andato a male
    con l'autunno da imparare
    di un inverno senza cuore
    e un domani...
    ... "così non vale!"
    Composta mercoledì 1 ottobre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      Le voci del vento

      C'è ancora tanta strada
      per arrivare al fiume,
      una valle di sogni e parole
      su onde argentate.
      Così bella da far invidia alla luna
      così sola sotto questo cielo.
      C'è ancora tanta vita
      per giungere al mare,
      senza timore di perdersi
      fra stelle pagane
      rinchiusa in un fiore
      che sboccia solo nelle tenebre.
      Le voci del vento
      danzano tra le vette,
      intorno al fuoco
      cantano le ombre.
      Sovrana è la notte;
      c'è ancora tanta strada...
      Composta mercoledì 19 agosto 2015
      Vota la poesia: Commenta