Le migliori poesie di Michele Gentile

Poeta, nato martedì 4 gennaio 1972 a Ostia - Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

Sotto la pioggia

Forse solo un sorriso
che obbedisce al passato
sfiderà queste nubi.
È tutto così semplice
sotto la pioggia.
Cancellate le impronte
volato via
quel poco di buono,
resta una pietra
sulla quale rinascere.
Hai ragione tu,
domani non ci riguarda
finalmente soli
oggi che anche la rabbia
ci ha abbandonato.
Michele Gentile
Composta sabato 26 luglio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: bbenry

    Dove ci incontrammo

    Stamane
    germogliano ricordi.
    Pasteggiano
    le ore
    rimasugli di indifferenza.
    Dove ci conobbero
    stanotte
    va a peccare il rimpianto
    complice
    di mille solitudini.
    Vale ancora la pena
    dare retta al cielo,
    vederlo correre
    nelle stanze più buie
    laggiù
    fra le strade del silenzio
    laggiù...
    dove ci perdemmo.
    Michele Gentile
    Composta mercoledì 2 luglio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      Avanti

      Le gemme della memoria
      incontrano la mia carezza.
      Soave
      germoglia nel vento
      brezza di pace,
      quiete che la marea
      sussurra alla foce.
      Avanti mio vecchio cuore!
      L'inverno ti sorride.
      Giorni di pioggia
      ti appartengono,
      bruma straniera di vita
      danza intorno al tuo fuoco.
      Avanti allora, sino all'oro
      su rotte di un tempo corsaro
      governando nuove burrasche
      con redini d'argilla.
      Non temere mai la scorza del cielo,
      perditi
      in questa terra nuova di speranza.
      Michele Gentile
      Composta giovedì 2 gennaio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: bbenry

        edera

        Persino la paura teme
        la fierezza dell'ignoto
        che non si piega ai desideri,
        alla speranza.
        Non si intenerisce
        dinanzi a promesse di complicità
        ma potente
        ruggisce
        dal ferro del futuro.
        Ed io,
        misero viandante
        solo posso farmi governare
        nel cuore del cammino
        dalla bruma di mare,
        ascoltare memorie d'edera
        che s'intrecciano ai miei anni
        come stelle intorno a un sogno.
        Michele Gentile
        Composta venerdì 21 dicembre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di