Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Michele Gentile

Poeta, nato martedì 4 gennaio 1972 a Ostia - Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

Santa inquisizione

Chiedo perdono,
umilmente
come solo un peccatore
della mia specie
può fare.
Ho inciso questa vita nelle carni
in profondità,
sorridendo quand'ero in me
scrivendo rabbia nei giorni offesi.
Chiedo perdono
per aver ucciso la speranza e
averla seppellita ancora viva.
Chiedo perdono per aver reciso giovani fiori
per averli dipinti di nero
e cuciti sul mio drappo.
Quale misera umanità rappresento
quanti errori,
nei vostri letti sarei stato il benvenuto
tra il piacere
e il dovere
di raccontarvi un uomo nudo...
chiedo perdono
chiedo perdono.
Composta domenica 8 dicembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alessandro Mancini

    Trapassato prossimo

    Ma quale iattura,
    è il mio verbo!
    Coniugarlo alla Nera sposa
    in didattiche nozze con lode.
    Frode... se ci pensi,
    esclusiva certezza
    di un'intera esistenza
    scena ultima
    o madre
    di solenni rimpianti come prole.
    Conviene registrare ogni abbaglio
    rispettare il modo
    e la persona.
    Singolare?
    Plurale maiestatis Sig. Professore
    satellite in fuga dallo zodiaco.
    Io sono... tu sei... noi siamo
    tanti
    tanti peccati fa.
    Composta giovedì 27 dicembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      Linea di confine

      Già segnata,
      scolpita
      marcata
      dall'orina
      di un'anima dalmata.
      Laggiù
      ad un passo dalla battaglia
      che s'espande pesante,
      il disprezzo scalcia
      nella pancia del mattino.
      Equilibri che cadono
      vittime di guerra
      sulla linea di confine
      tra due terre
      care e straniere
      abili galassie
      a nascondersi
      per poi collidere.
      Migrano sovente
      popoli e parole
      su convogli di enigmatiche città.
      Non tutti reclamano le chiavi
      di questa parte di mondo,
      colonne di un Ercole
      dal cuore di piuma.
      Composta venerdì 28 dicembre 2012
      Vota la poesia: Commenta