Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Michele Gentile

Poeta, nato martedì 4 gennaio 1972 a Ostia - Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

Voce

Insegnami  tu la rotta
verso il mare aperto,
mostrami i verdi sentieri
che conducono all’eterna vetta.
Non temere….ti seguirò
Debole a volte,
mai sconfitto
con il desiderio di accompagnare la follia
fin alla porte dell’orgoglio.
Piango per  tutti i ti amo
caduti in battaglia ,
per i poveri resti
di una rosa sgualcita
melodia di pioggia estiva
la voce tua
intona
il dolce profumo della mia dimora.
Composta domenica 16 dicembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: bbenry

    Un giorno di primavera

    Un giorno
    di primavera,
    forse
    una manciata di petali
    tradirà la mia partenza.
    Saluterà tutto ciò
    che avrò saputo spiegare
    attendere.
    Ogni mio sorriso
    tutte le lacrime,
    per la terra che mi parlò del vento
    per le fiamme di una notte eterna,
    vorranno parlarti di me.
    Vado via...
    così come sono giunto,
    torno alle mura d'Atlantide
    fratello mio,
    senza pane, senza stelle
    con la speranza nel cuore
    di rinascere un giorno di primavera
    forse,
    quando una manciata di petali
    sorriderà al popolo in festa.
    Composta venerdì 19 luglio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      L'eco del silenzio

      Il tramonto incendia la forra
      scioglie la valle di pietra.
      Si desta la sera
      le spose governano i fuochi.
      Vende cara la pelle
      questo mio dolore,
      legittimando il tuo nome
      cala il sipario
      sulle fredde labbra.
      Riposo sulle rive del cuore
      mentre tu
      t'innamori di un peccato.
      Non scavi più tra i ruderi
      dei nostri sguardi.
      Nulla resta di quell'ardore,
      niente s'è salvato.
      Notte
      che asciughi il mio pianto
      notte
      senza tempo,
      insieme a me
      perditi,
      almeno tu
      dimentica.
      Composta lunedì 16 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta