Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Michele Acanfora

Nato venerdì 23 settembre 1983 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Michele Acanfora

Datt’ 'na mossa

Datt’ 'na mossa ca ‘a vita è ‘nu muorzo, e chell’ ca' può fa oggi, dimane nun ‘o può fa.
Nun perdere tiempo, pecchè ‘o tiempo è denaro.
Ricordate ca ‘a vita nun t’aspetta, continua a scorrere pure senza ‘e te.
Nun te fa chiovere ‘nguoll, guardanno ‘a vita ‘e l’àt da ‘a fenesta, comm’ a ‘nu spettatore falluto.
Si’ tu ‘o protagonista da vita toia! Nun dà retta ‘e chiacchiere, ‘a mmiria e ‘a gelosia…
Si’ comm’ a nu fiore miez’ a tanti spine... E nun te scurdà ‘e fa’ sempe ‘o bbene, pecchè chell’ ca dai te ritorna.
Puort’ a cumpiment’ ‘a missione ca ‘o Signore t’ha mannat’, danno ‘nu vero senz’ a chesta vita ca è ‘nu muorzo.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Michele Acanfora

    Cchiù forte da malasciorta

    Pure quanno pare ca’ va tutt’ stuorto, quanno pienze ca tutt’ 'e problemi è tiene tu, quanno chi t'avessa da 'a forza, te fernesce 'e scarrupa'…
    Proprio dint'a chisti mument’ nun ‘e mulla'.
    ‘O saccio, 'a tristezza ca pruove è tropp’ assaje, ma tu truov ‘a forza pe' fa schiatta' 'a malasciorta.
    Nun perdere ‘o surriso; nun te fa’ abbattere a chi è funesto…
    Guard’ a chi porta ‘a luce e 'o surriso…chi cu tutt' ‘e problemi ca tene, continua ‘a fa 'o bbene e porta l'alleria. Percio', m'arraccumanno, nun te ferma: cammina dint' ’o bbene, e quanno vene ‘a malasciorta, fatte 'na risata e falla asci' a chell'ata porta.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Michele Acanfora

      ‘O padrone ricco ma perocchio

      Tu ca’ te faje ‘e sorde ncopp ‘o sang ‘e chi fatica pe’ te,
      ca’ te vere tutt’ ‘e vote ca’ t’abbuff e t’arricchisc’,
      miettatell ‘a mano ncopp’ ‘a cuscienza.
      Nun te scurda’ ca’ ‘a morte vene pure pe’ te,
      e ca’ ‘o taut’ nun è tene ‘e sacche.
      Perciò, chisti sorde ca’ te fanno sentì ‘o padrone ‘e tutt’cos’,
      dalli ‘a chi nun tene niente...
      ‘A chi è povero ‘e denare ma è ricco ‘e core.
      Vota la poesia: Commenta