Scritta da: Serephina Whynne

Parole storte

Depongo ai miei piedi legioni di parole storte
mani di mare a scivolar su pensieri scomposti
offro le labbra denudandovi l'anima
nessuna difesa
[qui]
nella mente ho mondi in collisione
di guerra e assenza
finalmente libera
nella melanconia della pioggia battente
[qui]
le mie parole
amale
proteggile
toccale
sillabe nude
[qui]
Qui
l'acqua alla gola ed i tacchi altissimi
la vertigine ed il volo
senza più paura
nel per sempre.
Michela Dall'Armellina
Composta mercoledì 27 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Serephina Whynne

    Polvere

    Rossetto sbavato.
    Alchemiche anime che odorano di agrimonio e sale,
    occhi che guardano, senza vedere,
    mani diafane ricoperte dalla polvere del passato.
    Muovi veloce le lancette che scandiscono i battiti del cuore,
    lasciami raggomitolata nel mio cantuccio segreto.
    Oppure, vieni.
    Vieni, indossami.
    Michela Dall'Armellina
    Composta venerdì 19 agosto 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Serephina Whynne

      Passi

      Muovermi lenta,
      contare i passi,
      ed i battiti di questo cuore...
      Mi sono strappata dalla penombra,
      ascoltando silenzi, sezionando respiri,
      Sgrano rosari con mani distratte.
      [sospiro]
      Odore d'incenso e fiori secchi,
      Tu cattedrale marmorea per il mio pianto nascosto,
      Tu che germogliavi rose dalle mie ferite
      chiamandomi per nome.
      [inspiro].
      Michela Dall'Armellina
      Composta sabato 23 febbraio 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di