Poesie di Mauro Albani

Nato giovedì 2 agosto 1956 a ROMA (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Mauro Albani

Per amico il mare

Abbracciato e coccolato dal vento che sposta la mia anima e la fa galleggiare serena tra le onde del mare
Guardo il film della mia vita e mi accorgo che alcuni tratti sono in bianco e nero squarciati da lunghi tagli frastagliati come una vecchia pellicola degli anni trenta
Un gioco di ombre e luce che al cospetto della luna si scioglie in gocce di cuore che bagnano i miei occhi stanchi di sogni mai vissuti
Altri sono pieni di colori ma i vestiti sono corti e gli anni sono leggeri e lì era la speranza di luce che li alimentava
Ma il film è già finito e rimane a farmi compagnia soltanto il mare.
Mauro Albani
Composta lunedì 5 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mauro Albani
    Gli occhi sono velati, un alito di vento li ha appannati  la vita li ha ingialliti
    Un fuoco dentro il petto sembra un'inferno di dolore
    Il corpo si increspa sembra il mare ma senza il suo colore
    Il cammino sembra lungo ma è breve come il canto d'una cicala d'estate
    Un canto lontano ti attrae mentre una luce bellissima ti avvolge e gioca con il tuo corpo e ti solleva e ti porta lontano dalla tua vita che non esiste più.
    Mauro Albani
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mauro Albani

      Mamma

      La nostalgia stasera  la sento presente in me cone una statua di sale 
      I ricordi ormai lontani sembrano anelli di fumo aggrovigliati nella mia anima
      Ti penso e ti vorrei qui vicino a me vorrei sentire la tua dolce mano sul mio cuore ascoltare la tua voce vedere il tuo sorriso pieno d'amore
      Mi manchi le mie mani tremano senza di te la vita e ' dura senza i tuoi... ". Vedrai tutto si sistema!"
      Vorrei vedere ancora i tuoi occhi magari soltanto una volta ancora ti amo mamma.
      Mauro Albani
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mauro Albani

        Cartago

        Solcando mari di inesplorata solitudine l'approdo lontano di Punici affollato nella lontana Cartago provo a ritrovare l'amore della regina Didone che nella stanchezza dell'attesa allinea le pelli sulla collina prospicente l'azzurro Mediterraneo Africano Anni impiegherò per trovare la giusta rotta ma alla fine troverò la splendida città appoggiata sul mare e la mia splendida regina.
        Mauro Albani
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di