Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Maurizio Orsi

Vedi biografia, nato a milano (Italia)

Scritta da: Maurizio Orsi

Non so se amor sia

Forte mi manca
il tuo mesto sorriso,
lo strozzato silenzio a schiuderti come un germoglio,
l’impacciato riverbero delle tue immense paure.
Forte mi manca
la voglia di danza che hai dentro il cuore,
quel respiro soffuso dell’anima tua che tende alla luce,
l’indomita asprezza di tanto rancore a lenire il passato.

Se poi sia amore, l’amore, l’amore.
Ed io non so, se poi sia amore,
quel fuoco dentro
che accender possa il tenero abbraccio mai donatoti appieno;
o se amor sia
l’arsa sete
che sappia indicarci la fonte di quello che è il vero destino!
Non so se sia amore,
se profonda è l’apnea
nel voler trattenere un grande respiro per nuovi, magici sguardi;
né se sia amore,
se sia fertile terra
che, consumandoci, insieme ci nutre per ciò che saremo!

O sia poi morte, sia morte, sia morte.
Ed io non so, se sia poi morte,
questo cor, che bruciando mi brucia,
la mia lingua che tace, giacché inaridita!
Non so se sia morte,
respiro affannato
di spasmo infinito!

Amore o morte,
non so…

So, che mi manca,
quel mesto sorriso.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Maurizio Orsi

    Alma oh mi alma!

    Certo, di me, poche cose direte:
    aprirete un cassetto,
    guarderete una foto,
    se breve al ricordo mi piangerete,
    lieve un sorriso, se mi penserete.

    Rivolgerete, con fare dubbioso,
    occhi lontani... e sarò: polvere;
    forse una stella tra cieli infiniti!
    Goccia, mi troverete,
    arder di fuoco divino
    dentro oceani puliti;
    forse, con vermi e terra,
    nel fango di guerre
    che uccidono l'anima!

    Certo, di lei, poche cose direte:
    cercherete il suo soffio
    ove il vento non è tempo né luogo;
    forse pallide orme
    lungo sentieri di quiete del cuore.

    Alma oh mi alma, da sempre t'ho amato!
    Quando di miele era dolce il parlarci
    nello scherzare sul nostro passato;
    ora che è fiele l'assurdo silenzio
    disperso ai giorni in cui sopravvivo!

    Alma oh mi alma, da sempre t'ho amato!
    Stringimi, e parlami, e stammi vicino;
    dimmi che è vero che nulla vanisce,
    dimmi che è vero che esiste l'eterno,
    dimmi, ti prego, dimmi che "siamo"!

    Certo, di noi, poche cose direte...

    alma oh mi alma, ti amo!
    Vota la poesia: Commenta