Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Maurizio Incorvaia

Da otto anni

Di labbra e voce che di tutto hanno
Di quei capelli che il vento non capisce
Come di quelle mani che di tutto fanno
e di quello sguardo fondo che rapisce

Cosa ne sa la gente di quel che provo
Cosa ne sa di questo nostro amore
Certo non sa che questo io vedo e vivo
e te leggera che abiti il mio cuore

Senti la vita che ti pulsa dentro ed io,
Che nella mia ne ho fatto ispirazione,
Ogni momento sto qui e ringrazio Dio
Sempre rapito da tanta seduzione

è vero il tempo passa senza affanno
Vecchio che inganna ogni aspirazione
Ed è nel giorno del tuo compleanno
Che ancor di più tu vali un'emozione.
Composta mercoledì 17 giugno 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Maurizio Incorvaia

    Una vita (la mia)

    Spalancai gli occhi ad un stupenda donna
    Che mi consegnò al mondo
    Spalancai l'anima al più grande uomo e Lui
    Mi consegnò alla vita
    Spalancai la mente alla curiosità finendo poi
    Per consegnarmi al mare
    Ho in serbo tante cose che forse non sarò
    Ma se ho aperto il cuore, un giorno, l'ho
    Aperto grazie a te anima mia...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Maurizio Incorvaia

      Bianca

      La foto sbiadita che ho in mente
      Ti rende già bella quasi come in realtà
      Dentro la porto come sogno latente
      Perché parte del tempo che va
      Tu sogno d'America e tu sogno vivente
      Hai aperto gli occhioni alla foto che sa
      Poi moglie poi mamma poi donna da amare
      Poi viverti accanto e doverti lasciare
      Ora scriverti a poter raccontare
      Di un uomo e del tempo che non sa ricordare
      E sei bella anche adesso che il tempo si appresta
      Aspetti i tuoi figli sempre pronta a far festa.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Maurizio Incorvaia

        Un mare... un agosto

        L'alba ci sorprende sulla spiaggia.
        Chissà se c'eri o ero solo quaggiù.
        Poi partimmo e poi ancora tornammo.

        Il sale ed il sole poi ancora insieme.
        Vestiti di sabbia, di spruzzi e sorrisi.
        Due corpi bagnati dal sole che scalda.

        Poi quel silenzio di un mare d'agosto.
        Io senza Dio e senza ancora una mèta.
        E tu che vai via...! Anzi non c'eri...
        Vota la poesia: Commenta