Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Matilde Marcuzzo

Intanto io scrivo ....., nato giovedì 20 ottobre 1977 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Matilde Marcuzzo

Fumo e luce

Tralicci di fumo come spiriti della sera
danzano sul lume e indossano queste mura la sua luce più viva;
Familiare tepore assopito di un passo silenzioso
giace ornato di foglie aperte e ancor fresche di ciottoli.
Ombra saggia di intelletto,
romita coi pensieri sulla vecchia seggiola
mi desta e mi dice che ci sei tu papà.
Composta venerdì 19 marzo 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Matilde Marcuzzo

    Sogno verde

    Carissimo,
    nel mio sogno verde,
    fra i voli di farfalle di cristallo
    su un fiotto di petali d'ombre e fuoco
    ho sentito un profumo d'estate
    come nella stagione del sempre,
    ho assaporato tutto il peso
    del sangue che si ritrova:
    nella foresta degli anni
    il sentiero di luce
    dove le parole
    son fili di seta
    su tremule perle.
    Composta martedì 16 febbraio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Matilde Marcuzzo

      Legami di porpora

      Qualcuno domanda gli anni della memoria
      che dentro un volto racchiudono le rughe dell'amicizia.
      Di certo molti, tanti ricordi al rallentatore,
      ore consumate come
      schiuma di sale e nuvole d'agosto.
      Ridere e affogare sul fondo
      di un orlo solitario
      ricamato da bevande d'arcobaleno.
      Affanni e allegria
      nei pensieri come ballerine in bilico,
      custodi amabili e fragili
      del sangue che instancabile guerriero
      ci lega come fratelli
      fra le lame del vivere incerto.
      Composta nel dicembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Matilde Marcuzzo

        Sfuocati pensieri

        Ti ricorderai di me
        in una giornata senza ore
        o mentre percorrerai mura
        senza meta certa;
        con gente.
        Altra gente, non io.
        Ti ricorderai di me,
        mentre sognerai dal vetro
        un cielo altissimo,
        grigio o luminoso,
        ma non il mio,
        d'altra gente.
        Ricorderai me e le brezze della sera,
        mentre amavi la coltre di stelle.
        Ti torneranno in mente
        visioni lontane
        di parole in cerchio.
        Sentirai come un taglio nel sale
        il bisogno di rivedermi
        e allorché sembrerò un ricordo sfuocato
        a me tornerai,
        ai miei pensieri per dirmi ecco sono qui.
        Composta lunedì 29 giugno 2009
        Vota la poesia: Commenta