Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: catlan

Italia? No, grazie!

Italia, paese dal bel territorio e dalla grande ricchezza
rovinato da gente disonesta e di notevole bassezza.
È grazie a questo tipo di gentaglia
che in Europa siam considerati rantumaglia.
No, no, mi dispiace, ma io...
Non voglio esser paragonato ai mafiosi
non voglio esser mischiato coi collusi.
Non voglio esser schiavo della delinquenza
voglio esser libero e non fare penitenza.
Non voglio esser chiamato "mandolino"
strumento musicale canzonatorio, invece che culo di donna sopraffino.
Non voglio esser chiamato "spaghetti"
ho tanti pregi e non solo dei difetti.
Non voglio esser considerato nullafacente
oltre a me, c'è un sacco di brava gente.
Non voglio esser considerato uno zimbello
ma voglio che uno straniero mi consideri un fratello
e non un pericolo da evitare
solo perché da noi vige il malaffare.
Permettetemi di dissociarmi da questo stato
e sperare che dir ciò che mi sta sul gozzo non sia reato.
Qui c'è gente che è molto di più
gente di grande onestà e parecchie virtù.
Gente che lavora da mattina a sera
gente che vorrebbe che lo stato non fosse una chimera.
Qui c'è gente di notevole spessore e grande intelletto
gente che meriterebbe comprensione e rispetto
e non esser presa in giro
perché, a causa di alcuni, il mondo ci tiene sotto tiro.
Abitare in questo stato è come portare un vestito stretto
lo dico con sincerità e non per dispetto.
Lasciatemi urlare la mia impotenza
e lasciate che questo grido non passi nell'indifferenza
perché a volte mi sento un cane con la rogna...
perché esser italiano mi sembra quasi una vergogna.
Composta venerdì 10 febbraio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: catlan

    Evviva il belpaese

    Evviva il belpaese
    paese di strane tasse e di assurde spese.
    Il paese dei politici corrotti
    dove alla fine sono i cittadini a finir con le ossa rotte.
    Il paese dei clan e della malavita
    dove chi non si fa i fatti suoi dura il tempo di una fucilata.
    Il paese degli appalti garantiti
    tra speculatori e mafiosi mai pentiti.
    Il paese del conflitto d'interessi
    dove ad esser fregati siamo sempre noi fessi.
    Il paese della malasanità
    dove in ospedale ti prenoti il posto per l'aldilà.
    Il paese del problema dei rifiuti
    dove ci si inginocchia dinnanzi alla camorra per ricevere aiuti.
    Il paese dello smog e dell'inquinamento
    dove vivere in città è diventato un tormento.
    Il paese del problema della giustizia
    dove in carcere ci va solo chi non usa la furbizia.
    Il paese dello sbarco dei clandestini
    e noi in mano a loro come burattini.
    Il paese del mondo del pallone
    dove chi non tifa una squadra è considerato un coglione.
    Il paese del gossip e del "grande fratello"
    dove alla cultura si preferisce il bordello.
    Evviva il belpaese
    se non scappo adesso, lo faccio nel giro di un mese.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: catlan

      Al me putén

      Al me putén l' è nasù ed Farvèr
      cuìnndez gioren prìmma par mìga fères pu spetèr
      con cl' ansjetè ch' at ciapa cuànd l' è drè rivèr al momént
      e t' sè mìga s' at sì pu narvoz o pu contént.
      L' è rivè in t' un dopmezdì chéld ch' a parèva primavéra
      sénsa fères preghèr bombén, par la giòja ed me mojéra
      ch' l' an vdèva l' ora ed partorìr
      con di dolor ch' a gh' parèva ed morìr.
      'N emosjon acsì mì an l' ava mai provèda
      cuànd l' ò vìst apén' na nasù, a cridèva cme 'na vìda tajèda.
      Al gh' ava tant cavì dritt ch' al parèva 'n rìss,
      il zguànzi ròssi, j òc mèz sarè e 'l zguèrd fìss
      vèrs ed mì...mì ch' a son al so papà
      ch' an vdèva l' ora ed ciapèrel in màn
      acsì dols, acsì tèner, acsì picén
      bèl cme 'n fjor ed pan porsèn.
      Al me putén al gh' à j òc blo cme 'l mèr
      cuànd al me guèrda, al me fa gnìr vòja ed cridèr
      dala comosjon e dala contintèssa
      e 'l guardarìss sémper ed contìnnov
      parché l' è pròprja 'na gràn blèssa.
      Al me putén l' è bjànch e ròss cme 'na roza,
      l' è 'n spetàcol guardèrel cuànd al s' arpòza
      col manén' ni zonti ch' al pèra ch' al préga 'l Sgnor
      cme par dìr che lu l' è 'l sìmbol dl' amor.
      Un putén apén' na nasù al fa la felicitè di non e di parént
      e mì e me mojéra a sèma du genitor contént.
      Sperèma ch' al véna su 'na brava parson' na e ch' al staga bén,
      mo ànca s' an srà mìga acsì, par mì 'l srà sémper al me putén.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: catlan

        A n'stagh mìga al pàs coi témp

        Al progrès al m'è drè roviner
        a son pèrs cme 'na goccia in t'un pajèr.
        A son parént ed la tecnologìa
        cme la vritè l'è parénta con la bozìa.
        Cuànd chjeter i zugèven ai videozogh
        mì sonèva la chitàra con j amìgh dednàns al fogh.
        Tutt i gh'an al celuler e 'l computer
        mì son a malapén'na bon ed drovèr al scùter.
        Cuànd i pèrlen d'arlòj digitel
        me dmàndi s'jen normèl
        se, invéci, i pèrlen ed televizor al plàzma
        a sparìss compàgn a 'n fantàzma.
        Cuànd a gh ò in màn un telecmànd
        a tutt i sant m'arcmànd
        con la sperànsa ed schisèr mìga al tast zbaljè
        e combinèr 'na cualca bestialitè.
        S'i m'meten atàca a 'n videoregistrador... povr'a mì!
        A gh'sèlti fora dòp trì dì!
        Zà con la radiozvèlja a vagh in cagon'na
        a gh'vol von ch'a me spiega cme la funsjon'na
        s'a ghè pu ed dù tast da schisèr
        a n'so bel e pu ndo ciapèr.
        Cuànd a son atàca la lavapjat
        bizòggna ch'a togga l'Aulin sinò a dvénti mat
        parché par farla funsjonèr
        a m'véna un mèl ed tèsta da s'ciopèr.
        A n'stagh mìga al pàs coi témp
        par mì la navigasjon in réte lì è 'n mistér
        ed réti conòss sol còlla da peschér.
        Vuhs, cidi, divudi
        a mì m'pèren sìgli ed partì
        tant, sìa d'inovasjon che 'd polìtica
        la me conosénsa l'è crìttica.
        A n'stagh mìga al pàs coi témp
        a son indrè cme la còvva dal gozén
        a drov ancòrra i solfanèl al pòst dl'acendén.
        A drov i dìd cme calcolador
        a cujj ch'a m'védda a gh'véna i zgrizor.
        Son 'n òmm vècc stìl
        scolti ancòrra i dìssch in vinìl
        d'ògni tant 'na cualca cassètta
        intànt ch'a m'fagh la bèrba con la lamètta
        parché 'l razor l'è tròp modèren
        e tajères la bèrba dvénta 'n infèren.
        Ogni invensjon l'è 'na secatùra
        e 'l futùr al me fa paùra.
        Mì son fat acsì, digh la vritè
        son von con pòchi bali, ch'a gh'pjèz la semplicitè.
        Vota la poesia: Commenta