Scritta da: MesaQueen

Duetto d'amore

La voluttà brama nel ventre
percorso lievemente da mani invisibili
evanescente sensazione condivisa
tra vibrazioni ineffabili.
Simili a corde di un'arpa intonata,
fremiti silenziosi si espandono,
tra sospiri di gemiti sincronizzati
e rorido sudore che imperla la fronte
per divenire rugiada nell'umido giardino
emulsione di corpo e anima.
La fioritura dell'albero lentamente
s'innalza rigogliosa al cielo,
il fruscio delle larghe foglie
rinfresca dolcemente
e simili a dolci petali di rose
conducono all'oblio dell'irreale,
lambendo umilmente al nettare
che tanta dolcezza d'amore reca
tra urla di piacere di un mancato abbraccio.
Mascia Agresti
Composta lunedì 21 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: MesaQueen

    T'amo!

    Volo nel tuo cuore
    con un battito d'ali
    senza farmi vedere
    eludendo l'oblio a cui aneli.
    Ti risveglio da un sogno buio
    col sapore di un furtivo bacio...
    si confonde l'aversi
    con il timore di perdersi...
    ma gli occhi brillano
    come lucciole nella notte
    complice la magia della luna
    e, la carezza delle voci
    aumenta l'immensa voglia
    di amarsi alla follia...
    innamorati sempre più
    all'udir del silente "T'amo"!
    Mascia Agresti
    Composta lunedì 21 novembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: MesaQueen

      Gli occhi dell'amore

      Quando si guarda con gli occhi dell'amore
      tutto brilla e più bello appare,
      riflettendo la luce che è dentro di te
      tutto sembra l'opposto di quel che è:
      il sole brilla anche di notte,
      la pioggia si colora d'argento e d'oro
      il cuore leggero va girovagando
      su un tappeto volante
      risvegliando con la freschezza dell'aria
      l'anima ormai assopita...
      poggiando gocce di luna sul petto
      con la stessa delicatezza di una farfalla
      che si posa su un trepido fiore...
      i violini suonano splendide melodie
      di valzer passionali,
      i diamanti risplendono
      alla luce di stelle irradianti
      e lo sguardo si perde confuso
      nel suo stesso sguardo...
      ah!
      se solo tutto ciò... potesse durare per sempre!
      Mascia Agresti
      Composta lunedì 21 novembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di