Scritta da: Marzia Ornofoli

La rosa velata

Una rosa velata è nata sulla mia pelle,
respiro il silenzio della notte,
il respiro caldo umido dell'amante
mi accarezza edacemente la pelle,
vibra il cuore in quel palpitare d'emozioni.
Mi lascio trasportare dal sogno d'amore,
la notte mi appartiene.
Il giorno si è levato,
sola sono fra lenzuola disfatte,
la primavera risplende
di colori e profumi,
ma io non vedo la sua bellezza,
perché tu non sei qui
ad ammirarla con me.
Solo la notte la mia rosa velata
sboccerà ancora sulla mia pelle.
Marzia Ornofoli
Composta domenica 6 giugno 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marzia Ornofoli
    Ricerco me stessa,
    in vortici di vento e polvere,
    lascio cadere lacrime
    che impastano il tempo,
    ricerco me stessa,
    nelle albe passate
    e in quelle che verranno.
    Ricerco me stessa,
    nei tuoi occhi
    specchi d'acqua,
    l'anima mia si disseta
    dell'amore che le dai.
    Ricerco me stessa,
    sospinta dal vento
    ululante che trascina
    i miei pensieri lontano
    lasciandomi vuota,
    ma la ricerca continua,
    e riempio il vuoto
    con pagine che parlano
    parlano d'amore e sogni.
    Marzia Ornofoli
    Composta domenica 6 giugno 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marzia Ornofoli

      Delfini

      Nuvole bianche si gonfiano,
      si rincorrono con nuvole violacee,
      rose dai petali vellutati ondeggiano
      al chiacchiericcio del vento,
      i delicati e piccoli fiori dei tigli
      già profumano l'aria.
      Ma l'aria profuma di mare,
      mi lascio trasportare dal vento,
      mi tuffo nel mare
      e volteggio nei flutti
      con i magici delfini
      sirena divento
      e nel mondo dei sogni
      sono libera
      di nuotare nell'oceano dell'illusione.
      Marzia Ornofoli
      Composta domenica 6 giugno 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marzia Ornofoli

        Il museo della parola

        Nuovi fiori sono sbocciati in paese,
        hanno la forma di leggii
        e i loro petali non hanno profumo,
        ma solo apparentemente però.
        Il profumo che emanano
        è il profumo delle parole scritte,
        da grandi poeti e da grandi cantautori.
        Sono pochi questi fiori,
        certo sparsi nei giardini e nelle piazzette del paese
        sorpresa è la sua gente,
        che si ferma ad ammirare
        e a leggere questi fiori.
        Sussurra poi piano,
        vedendo il simbolo
        del melograno:
        "Ecco un'altra bella iniziativa
        delle Amiche del Melograno"
        Sono sbocciati nuovi fiori in paese,
        è sbocciato il Museo della Parola.
        Marzia Ornofoli
        Composta domenica 6 giugno 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marzia Ornofoli

          Io sono l'amore

          Io sono la luce che illumina la tua notte,
          io sono la fonte d'acqua che disseta ogni tua sete,
          io sono colei che diventando luce e acqua
          mi lascio trasportare dal vento tempo.
          Creatura d'acqua che nuota nell'anima del tempo,
          sono onda che lambisce la roccia soggiogandola al mio volere,
          sono la fulgida luce che scaccia la notte dal cuore,
          volteggio in turbini di vortici eterni d'acqua e luce.
          Esplosione di vita sono come luce come acqua,
          divento musica nel respiro nella mente di chi ama,
          chi sussurra con il vento l'amore.
          Io sono l'amore.
          Marzia Ornofoli
          Composta domenica 6 giugno 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di