Scritta da: Marzia Ornofoli

Fiori d'argento

Fanciulla tua madre la luna ti sorride.
I tuoi occhi rispecchiano il desiderio.
Odori di primavera sulla pelle.
Ridi danzando sulla spiaggia dorata.
Idillio irraggiungibile per un amante.

Dolcemente t'abbandoni all'amore soave.

Acqua argentea del lago notturno.
Rumore di in un sospiro appagante.
Giardino di fiori non raccolto.
Etera appari nella luce lunare.
Non sei che un sogno per chi ti desidera con ardore.
Tormento dei cuori palpitanti carichi d'amore.
Odono la voce sognate del tuo canto sirena lunare.
Marzia Ornofoli
Composta domenica 25 aprile 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marzia Ornofoli

    Fanciulla luce

    Fatta dal sole tuo padre.
    Arcaica creatura luminescente.
    Nata per illuminare i sogni nascosti.
    Catturi la luce per poi irradiarla.
    Iridescente il tuo corpo impossibile a catturare.
    Unica sei, ma mille sorelle hai.
    Lucciola di prati fioriti.
    Lunghi i capelli di luce t'avolgono.
    Armoniosa sei nel tuo danzare.

    Lacrima del sole infuocato.
    Ultima stilla di luce del giorno morente.
    Chiara dolcezza di luce.
    Evanescente se catturata dal buio.
    Marzia Ornofoli
    Composta mercoledì 7 luglio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marzia Ornofoli

      La mia mamma

      Magnolia dai fiori bianchi
      Angelo di Dio per me
      Rosa dall'animo puro
      Ironia la chiave con cui affronti la vita
      Amica confidente unica sei per me

      Complici siamo in piccoli e grandi segreti
      Amore sconfinato nel tuo abbraccio
      Risate d'intese ci uniscono
      l'emozioni nascono come fiori nella tua anima
      Orizzonti lontani sono nei tuoi occhi
      Tieni nel cuore la gioia di vivere
      Torni a ricordi lontani guardando vecchie foto ingiallite
      i miei versi a te regalati son poca cosa per ripagare il tuo amore.
      Marzia Ornofoli
      Composta martedì 25 maggio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marzia Ornofoli

        La verità

        C'è una parola che fa paura,
        un parola da cui noi fuggiamo
        perché se l'affrontiamo
        dobbiamo guardare e accettare
        ciò che siamo.
        La verità e che non abbiamo
        il coraggio di volerla ascoltare
        questa verità che fa male.
        Ma la verità è
        che ci vuole più coraggio
        a vivere che arrendersi.
        La verità...
        la verità non è mai assoluto,
        ci sono molte verità che parlano,
        allora la verità è confusione,
        non sai più dov'è
        la verità che cerchi.
        La verità: ma non so;
        qualcuno poi la vuole raccontare
        la verità, ma è la sua verità.
        Si può poi continuare a cercarla,
        si può poi continuare a parlarne
        di questa verità.
        Ma la verità forse,
        si trova solo nei cuori della gente.
        Marzia Ornofoli
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di