Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Martina Pace

Psicologa, scrittrice, nato martedì 26 gennaio 1988 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Martina Pace

Fervide mutazioni

L'acqua dalla doccia ci accarezza il viso,
la pelle, alimenta i nostri brividi,
infiniti sono i volti che spiano i nostri moti,
addensandosi come presenze nella stanza,
è buio ed io danzo in penombra
con il mio asciugamano,
è come se fosse sempre qui,
come un cucciolo al mio fianco,
tanta è la tenerezza che mi trasmette,
è un desiderio inestimabile,
che come uno spirito selvaggio,
prende possesso del mio corpo
e delle mie facoltà mentali,
come un bocciolo da iniziare ad annusare,
si nutre in me il desiderio di sentire
il suo respiro tra le spine dell'amore,
sui muri del destino, tra gli angoli del cuore,
il suo sguardo, così gentile,
quasi offende il mio,
i suoi sorrisi, così brillanti,
sembrano diamanti,
i suoi passi sono così silenziosi
da far rumore solo nel cuore,
dove tutto è un gran frastuono,
tutto fa contrarre il mio cuore,
il mio seme desidera il suo miele,
sono un cigno che desidera
chiuderti tra le sue piume,
imprigionando per sempre i suoi sensi.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Martina Pace

    Ho visto orizzonti

    Ho visto visi cementati nel dolore,
    ho visto la vita come cambia
    e in un attimo tutto sembra perso,
    ho sentito schiaffi scivolare sulla pelle
    fingendo di curar le ferite,
    ho sentito il tempo
    sgretolarsi sotto i piedi,
    ho visto tramonti
    che non si incontrano mai,
    ho visto anime scomparire
    oltre la luce,
    porto lividi nell'anima,
    lividi che il tempo scandisce
    ed io che vendo il mio dolore
    mentre il vento
    mi restituisce un sogno.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Martina Pace

      Un pensiero per te

      È triste vedere come a un certo punto della tua vita le persone della tua infanzia volino via, assistere alla loro scomparsa non è facile, tutto continua a scorrerti attorno eppure loro si sono fermate a metà del viaggio e non puoi far nulla per riavvolgere il nastro della vita e farle tornare come un tempo in cui il tempo non esisteva, da bambini, si credeva nell'eternità di un sorriso, di una abbraccio, di una carezza, ma presto o tardi si va via e questo vale soprattutto per gli angeli come te, perché sai volare in alto senza cadere mai.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Martina Pace

        Effetti collaterali

        Sta divorandomi e si nutre dall'interno
        attimo per attimo
        come un vampiro assetato
        con i suoi artigli affilati nella gola
        come un ago nelle vene e nell'anima
        dilaniando e mordendo questo filo
        sospeso di vita che si spezza
        rapidamente in questo mondo
        che mi capovolge al contrario
        facendomi volteggiare sulla ruota della vita
        non ho armi di difesa per risalire su
        e la vita scivola tra le mani.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Martina Pace

          Assassina di anime innocenti

          Senz'anima ritornerò
          e mi vedrai cadavere ai tuoi piedi,
          senza più rimpianti, senza più rimorsi,
          senza più lacrime da buttar via
          o sorrisi nel vento,
          senza più speranze,
          senza più un futuro da realizzare,
          senza più respiro né vita,
          ma con un macigno che risiede
          su un'anima già spirata...
          e ringrazio te, assassina di anime innocenti,
          perché m'hai reso fragile ma ricca d'amore.
          Vota la poesia: Commenta