Poesie di Martina Andrea Ottogalli

Agente immobiliare e supermamma, nato giovedì 29 ottobre 1987 a Viareggio (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Il risveglio

E fu così che mi destai.
Il mio corpo embrionale giaceva ora
avvizzito,
nel bianco ordine d'ospedale,
tra facce vacue
e odore acre di disinfettante.

Mi destai così.
Con il cuore d'un epilettico,
lo sguardo d'un folle,
e la forza di un sano, spumavo
rabbiosa
per il commesso sopruso.

E come Frida Kalho
rividi il mio ventre
aperto, stracciato, derubato.
Mani anonime
celate da guanti in lattice
vi succhiavano via i primi aneliti d'un figlio.

Quale atto d'incoscienza,
Quale sentore di paura
(o codardia?)
avevo permesso a me stessa?

Mi destai
come si destano i morti
poiché deceduta era in me
ogni vana illusione di vita.
Martina Andrea Ottogalli
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di