Scritta da: Marta Emme

Il sussurro della montagna

Penetrare i misteri della montagna
è entrare nelle pieghe della memoria
di chi in quella terra è cresciuto
e ai suoi inverni s'è temprato.
Descrizioni ed emozioni che già sono preziosamente conservate
nello scrigno dell'umanità. * (i libri)
Ciò è essenziale, dacché
non è più moderno amare il Padreterno,
né al divino è da sottender
perché "IO" è diventato l'equivalente;
allor discerner è parso più esaltante;
ma s'è mostrato poco lungimirante.
Così, nell'abbandono, la montagna soffre
per quest'uomo così folle
che vale assai meno delle zolle
che ha cementificato nei pendii
e lungo il colle.
E in un sussurro all'uomo dice che,
è giunta l'ora di tornare in sé
e riconoscer nella sua maestà
la possenza di un'Entità
che non si può insultar,
ma sempre rispettar.
Marta Emme
Composta martedì 11 agosto 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marta Emme

    SOS

    Una magica polverina* (medicina)
    cade da un cielo di stelle* (i medici)
    nel corpo offeso
    e si posa ovunque
    contrastando le asprezze
    nascenti nella verginità
    di luoghi prima inaccessibili.
    È la certezza della malattia
    che or fa percorrere
    nuovi corsi e quella
    misteriosa pioggerella
    è energia vitale
    che viene in soccorso
    al cielo che vive anche in te,
    dai suoi pregevoli lumi rischiarato.
    E questa felice sinergia
    rende possibile sorridere
    alla ferocia aliena.
    Marta Emme
    Composta domenica 26 luglio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marta Emme

      Le parole del mare

      Sono grande, sono immenso
      sono di un blu colore intenso.
      Le piogge porto col vento
      e il mio alito con le onde
      sul mondo stendo.
      Sono forza della natura
      e quando mi agito faccio paura,
      specie in un tempo di calura,
      sempre più fuori misura.
      Custodisco mostri e docili creature,
      protagonisti di epiche avventure,
      memorabili nelle loro tessiture.
      Ma dir or voglio che, se la vita
      è il mio orgoglio, * (è nata in mare)
      quest'uomo la stravolge
      per inseguir le proprie voglie
      e così non si guadagna
      di godersi la cuccagna. * (il pianeta)
      Allor mi metterò d'impegno
      affinché ne paghi pegno.
      Marta Emme
      Composta martedì 23 giugno 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di