Scritta da: trap

Il cuore come un guitto fa capriole

Se ridi mi si allargano le arterie,
il sangue scorre come un rio montano.
Se sfiori la mia guancia con la mano
svaniscono da me le mie miserie.

Ascolto la tua voce e mi confondo,
mi sciolgo come panna sotto il sole.
Il cuore come un guitto fa capriole,
nel mentre gli occhi fanno il girotondo.

Ti guardo e ho sempre voglia di abbracciarti,
sentirti che mi pulsi contro il petto,
placare il desiderio di baciarti.

Amore, quando sono al tuo cospetto
vorrei che non dovessi mai lasciarti.
Appena sei uscita, e già t'aspetto.
Mario Trapletti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: trap

    Amore, il tuo sorriso

    Mi sveglio la mattina e il tuo sorriso
    inalo con l'aroma del caffè.
    Nel petto batte un cuore di bebè
    sereno nell'abbraccio del tuo viso.

    Il sole appena dietro le persiane
    ci osserva e si riscalda al nostro amore.
    Poi chiude gli occhi quasi per pudore
    e corre a far danzare le gitane.

    Ti guardo, ti riguardo e m'incateno
    ai bordi del tuo velo di dolcezza.
    Sprofondo nel tepore del tuo seno,

    accoccolato dentro una carezza.
    Il tuo sorriso è più che arcobaleno:
    è sinfonia eseguita dalla brezza.
    Mario Trapletti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: trap

      A volte

      A volte sento che ti strozzerei
      a volte mi vien voglia di scappare
      per non sentirmi parte dei babbei
      castrati dalla vita familiare.

      A volte... quando inchiodo gli occhi miei
      su pozze d'acqua invece che sul mare,
      sui pochi punti neri, sui tuoi nei
      invece che sul viso tuo solare.

      Non vedo più, accecato da me stesso
      in preda a un egoismo sordo e ottuso,
      la luce del tuo amore senza se,

      la gioia con la quale stai appresso
      a chi magari ha messo pure il muso,
      a me, che ormai non vivo senza te.
      Mario Trapletti
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di