Scritta da: Mario Brecciaroli
Attraverso il mondo
mi lascio attraversare
eterea materia all'infinito
lascio entrare la luce e il suono
sono io stesso luce e suono
aggregazione di atomi e pensiero
trattengo ciò che entra
per riversarlo fuori
con il movimento
Sentirmi...
una nuova dimensione
dove ero già stato
senza accorgermi di me
Teso tra emozioni e intorno
non conducevo
dimentico di me
senza soffermarmi
dove ora vivo
universo in espansione
Cavalco forze gravitazionali
comprendo cada dentro
ciò che è fuori
Vado torno mi emoziono
Ricostruisco scene
e coscienza di esse.
Mario Brecciaroli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mario Brecciaroli

    Me

    Ancora tu
    Esploratore del pensiero
    Minatore dell'inconscio
    tu che porti alla luce me
    Chi ti ha dato questa facoltà?
    Sei forse un genio?
    Baciato dalla fortuna...
    Benedetto da Dio?
    Paranormale...
    Chi ti ha dato questa voglia
    di essere
    Comunque me
    a quale sorgente sei arrivato
    lungo il cammino?
    . Si..., deve essere così...
    Hai camminato a lungo nel deserto
    sotto il sole bruciante...
    hai avuto molta sete...
    ti sei perduto nel niente
    dei tuoi miraggi...
    ... sei caduto più volte
    ed ogni volta ti sei rialzato
    caparbiamente
    Perché vita ti chiama...
    Sei arrivato stremato alla sorgente
    che eppure c'era
    e questo tu lo sapevi
    Ne eri certo
    Oppure la volevi
    la cercavi
    doveva esserci
    Questo è stato
    il tuo primo momento
    La tua prima fonte
    Hai scoperto che
    c'era ciò che tu cercavi
    c'era l'acqua nel deserto
    solo... non la vedevi
    ... era oltre il confine
    che hai superato...
    e così, testardamente
    hai continuato in ogni direzione
    Non più testardo
    semplicemente fiducioso
    Non hai avuto più paura di viaggiare
    nei tunnel della tua esistenza
    di scavare nelle tue caverne
    cercando le tue risorse
    proprio dove
    non sembra esserci nulla
    me porto alla luce me
    come te
    è Forte, Intensa, Grande
    l'emozione che sento
    Piango di commozione
    dopo tanto tempo
    Bevo acqua abbondante
    alla fonte della vita
    scoprendo che
    ce n'è per tutti...
    anche per l'altro...
    Anche per te...
    Te la offro
    come tu l'hai offerta a me
    anzi... scusa...
    non ti offro niente
    La fonte era qui
    per te e per me
    Non è mia
    ... non è tua...
    è qui
    Vita di noi.
    Mario Brecciaroli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mario Brecciaroli

      Frammenti di pensiero

      Metterò i miei messaggi in una bottiglia
      e li lascerò andare nel mare in tempesta
      dalla mia isola in tutte le stagioni
      appunti d'amore, sogni e sentimenti
      galleggerà per sempre nell'infinito moto delle onde
      o raggiungerà rive sconfinate
      ove le parole brucianti sbiadiranno sotto il sole cocente
      e se qualcuno li raccoglierà non potrà leggerli
      o verranno altre onde a risucchiarli e trascinarlo via verso nuovi orizzonti senza mai approdare finalmente in un'altra vita...
      Chi mai raccoglierà queste parole? E perché poi dovrebbe farlo?
      Viene forse da Auschwitz? O dal Magreb?
      Quale essere triste lo ha inviato? E di quale tristezza o prigionia è fatto? Chi mai lo raccoglierà...
      Non parla di me e di te... ma della solitudine di sempre...
      Ho rinunciato a vivermi da tanto tempo...
      sempre così occupato a lanciare messaggi
      Di nulla... verso il nulla...
      Quando succederà che saprò bastarmi
      e cominciare a vivere senza di te che condividevi
      i pensieri di allora...
      che ti dedicavo...
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di