Scritta da: Mario Bianco

Pensieri

Svaporar come nebbia danzante
immagini d'altri tempi in scenografie
or pallide come inconsistenti veli
or a tinte forti come crude passioni
sanguinanti offese delusioni cocenti.

Scene fluttuanti che occhi attizzati
nel difficile seguire tempi scorsi e
appannati come vetri nello scrosciar
della pioggia, visi diafani corrono su
pellicola bagnata da lacrime, oh! Sofferti
sorrisi con labbra strette fissano cercando
un perché che dia senso compiuto.

Corolle d'amore, avvizzite o splendenti
bianchi di pruno, delicati e virginei frutto
di fanciullezza assetata e arsa d'acque
negate allo schiudersi di vita in deserti
che i tartari non conobbero mai.

Muovetevi dunque sui sentieri del tempo,
ma mai, con prece vi prego ritornate alla
mia mente che non vuole volgere il capo
alle acque trascorse, ai ponti gettati per
occhi assassini e membra fatiscenti che
di quel liquido volean nutrire anime fatue.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mario Bianco

    Amore mio

    M'innamorai di te quando ti vidi nella presenza di cellule che provavano la tua esistenza.
    Ti seguii con la mente nel crescere al caldo nel ventre di tua madre, ti benedissi al primo vagito che si mescolava con le melodie eterne.
    Parlammo di numeri e del fine poetare, di stelle e di rombanti motori, disquisimmo di filosofia e di ondeggianti cimieri, salimmo ripidi pendii e scivolammo su bianche distese godendo del nostro divertimento.
    Parlammo di donne...
    Angosciato percorsi con te le traversie del vivere, esultai
    ai tuoi successi e allo sbocciare dei tuoi primi amori.
    Corsi con te nel vento, m'illuminai nel tuo sorriso
    Colsi i tuoi primi impegni nella vita e godetti dei tuoi primi trionfi.
    Ora sei ancora qui a guardare
    con tenerezza le mie mani stanche, rattrappite dalla vita.
    Dio ti accompagni sempre figlio mio e se Lui cessasse, ancora una volta io ti sarò accanto.
    Mario Bianco
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di