Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Mariella Mulas

Canto

Voglio cantare l'amore
Voglio sentire fremiti...
È viva in me l'emozione...
Mi accarezza nei sogni
Mi induce il sorriso...
Voglio cantare l'amore
anche se dorme
anche se sulla nuvola del tempo
viaggia lontano
e le sue gocce bagnano solo
sconosciute vie...
anche se sguardi mai
s'incontrano...
Voglio cantare l'amore
che vibra di sentimento
anche se dorme,
anche se è stanco
anche se inutile
conta i palpiti del cuore...
voglio cantare l'amore
voglio vestirlo di attesa
come un primo desiderio,
come l'attimo
che credi eterno
quando danzi,
innamorata,
tra braccia e voli... voli...
in paradiso.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Mulas

    E ti amo

    Istanti mi appartengono
    di te...
    Ricamano la mente...
    Scaldano il tempo
    di un pensiero...
    Istanti pieni di te
    ad ogni sguardo,
    ad ogni parola,
    ad ogni respiro...
    E ti amo nel mio silenzio
    e ti rincorro nei miei gesti
    e ti accarezzo nel mio cuore.
    Istanti come nubi
    che lasciano al sole
    illuminare giardini...
    risuonanti d'echi d'amore...
    Istanti dove note
    accompagnano frasi di sogni...
    Istanti unici per le mie labbra
    che sussurrano, ostinatamente,
    ti amo.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Mulas

      Illuso pensiero

      Illuso pensiero
      stravolgi il ritmo
      e avanzi strisciante
      apparendomi reale
      in riflessi di specchi vitali...
      Mi guardo... non riconosco
      la luce essenziale.
      Vago inutile corpo
      in meandri di moventi
      avvinghiati nella mente
      di fredda obiettività.
      Impazzire non devo
      al gioco del destino
      che ha deciso
      la mia solitudine.
      Ma l'amore si offriva
      come salvagente
      ed era macigno
      per annegare
      nel buio di finte carezze.
      Illuso pensiero
      affonda anche tu
      con me
      ... sarà finalmente oblio.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Mulas

        Guardami...

        Sorte guardami.
        Dimmi quando hai deciso per me.
        Non ti sei accorta dei miei silenzi...
        Non ti fa pensare la mia malinconia.
        Sorte guardami.
        Mi hai definito al primo fiato,
        hai colmato il mio tempo
        ponendo mance che non volevo.
        Hai ordinato le mie ore,
        i miei giorni,
        i miei anni.
        Cosa ho tra le mani
        se non quello che hai imposto
        al tuo viaggiare con te.
        E non so ancora del mio ultimo respiro.
        Sorte guardami
        Mi hai attraversato l'anima
        senza che io potessi
        dire fermati...
        Ed io sono qui umile al tuo volere.

        Continuo a sognare.

        E sono nubi che vanno e vengono.
        Pioggia che disseta campi
        o affoga insetti in solchi invasi d'acqua...
        Sole che scalda o scotta la pelle.
        Mare che risacca lievi spume
        o... onde inquiete

        Continuo a sognare.

        Sorte guardami
        Non ho incatenato a me chimere
        e sono volate...
        Non ho creduto ad illusioni
        e le inseguo inutilmente...

        Continuo a sognare.

        Tu questo solo hai concesso.
        Sogni, come bolle rifrangenti
        luci con parvenze di colori.
        Ma ad una ad una mostrano
        la fragilità all'aria pesante dell'impossibile
        che tu hai forgiato su misura
        al mio vivere.
        Vota la poesia: Commenta