Poesie di Mariella Buscemi

Psicologa/Autrice, nato domenica 3 gennaio 1982 a Enna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Mariella Buscemi
Claudicante.
A zoppicare sulle arterie
espandersi in diastole
e tramortire in vene strozzate
ché il terrore
- il tremore -
stringe
e fa pugno chiuso e saldo
nel fervere ansioso
poi
aprirsi
ed accorgersi d'aver trattenuto mosche
pensare fossero falene
poi
mutarsi in api
e subirne il pungiglione infetto
e quando ci saranno piume a carezzarlo
ritrarsi sarà un attimo
con lo scatto dell'anticipo
e la fuga del sapere come va a finire
ché ciò che ha sofferto
conosce solo la sofferenza
e l'impotenza s'apprende
in perenne sistole
tra ventricoli appestati
ed atri contaminati
_crocevia di valvole secernenti veleno.
Mariella Buscemi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Buscemi
    Ho albe che sono più buie dei miei tramonti
    ché i rintocchi che fan spazio alla luce
    mi tagliano
    adiacente all'inquietudine
    perpendicolare alle mie solitudini imposte
    lasciandomi espressioni disabitate
    di fragile donna
    curva di spalle
    e colpita tra gli anelli delle vertebre
    che a stento mi sorreggono
    scheletrica
    mi faccio carne e polpa tra le tue mani
    ché sei l'unica notte che m'avvolge da dietro
    senza percosse
    strenua carezza pronta a lambirmi d'assoluto.
    Mariella Buscemi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Buscemi
      Se mi scoppiasse nel petto
      il senso dell'immenso angelicato
      e di scheggia di luce
      squamassi la mia pelle
      a generare corazza di nuova purezza
      e rifarmi vita
      attraverso un parto sacro
      di madonna prescelta
      - ed io nuova Maddalena -
      disperderei i profumi spurgati di giglio
      all'altezza dei polsi
      impregnerei di gelsomino i seni
      e calle ad ornarmi i polpastrelli
      per evaporare d'ogni essenza
      ed il mio passo con la robusta caviglia
      calcherei
      sul bianco della terra
      generato da un cielo che cade
      a pezzi bianchi
      ibernando di forza fredda le mie vene
      e decantando
      il nuovo sangue
      come mosto novello
      in calici di pensiero vivo
      acini schiacciati d'un passato di morte
      vendemmia di nuovo nettare
      dissetare la gola arsa.
      Mariella Buscemi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Buscemi
        Mando via chi odia la mia notte infinita
        rifuggo io stessa
        calpesto le orbite di chi mi cerca la luce
        tagliandomi a metà in cerca di
        soffi
        spiragli
        spifferi
        ché non s'addomestica la mia natura
        non si domina
        la si abbraccia in manto
        guaina a fasciarmi
        diventarmi artiglio
        e smembrarmi
        separarmi il dolore dal dolore
        a farne due
        risiedermi
        tra le ossa e la carne
        e tu
        appollaiato
        sulle croste.
        Mariella Buscemi
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di