Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Maria Rossi

Maestra, nato a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Maria

Amaro passato

Sento ancora l'odore di quell'erba fresca
Un'erba ancora da raccogliere,
che giace lì, su quel terreno
seminato soltanto da lontani ricordi...
aspri e lontani...
ricordi che disegnano sulla mia schiena
le linee di un passato innocente e ancora vivo...
finge di sorridermi, mostrandomi invece verità nascoste...
segreti mai svelati, omissioni, crude bugie...
che hanno stravolto il giro di una giostra...
sulla quale non sono mai salita
come una foglia vacillante...
che stanca di poggiarsi su quel piangente ramo
attende ansiosa una bufera...
che non arriverà mai...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Maria

    Fruscìo

    Lontano...
    Dolce fruscìo che accendi in me vani ricordi.
    Insensato fruscìo, ti ascolto e navigo in quel mare incerto.
    Limando quel triste battito, chiudo gli occhi.

    Lontano...
    Leggero fruscio, un sogno sbiadito.
    Inseguendo un angelo sordo, affondo
    in miti paure.

    Lontano...
    Un petalo setoso scivola tra le mie mani assenti,
    e lui...
    Un diavolo cieco.

    Lontano...
    Violento fruscìo che trascini con te quel sogno,
    oscurando quel calor che giace ancor in me. Affondi,
    in quel mare incerto.

    Lontano...
    Fruscìo...
    Chiudo gli occhi
    e sento quel petalo tra le mie mani.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Maria

      La mia dea

      E ancor più forte sento quel dolore annodato...
      E ancor più lento...quel veleno radicato nel mio passato...
      Non si addormenta.
      Un sasso piangente...parole stonate...
      E ancor più forte...verso lacrime amare e sospiro.
      E ancor invoco quel "Dio Muto"...e chiedo perdono.
      Un perdono rinnegato da questo "tetro teatro" di pupi rabbiosi...

      Ma annuso il profumo di una dea...
      Ed ella disegna linee melodiche che toccano il mio cuore.
      Dolce e luminosa creatura...
      Ella coglie aspre amarezze in sorrisi mascherati...
      Onde sinuose lambiscono la sua potente fragilità.
      Ella, la mia dea, disseta la mia vita d'amor.

      Affogata in certezze incerte,
      ricordo ancora la sua tenera età...
      E i suoi divini sguardi, gettati dai pupi rabbiosi su un filo spinato...
      E rammento i suoi gemiti...e la sua dolcezza...sposata a quest'ostico destino.
      E si veste di vergogna la mia nobile creatura...
      Bramosa di avvolgersi nella magia di una carezza...

      Non piangere mia dea...
      Tu che colori la mia vita di candore.
      Tu, forte e radiosa stella teatrale...
      Oggi cresci...
      Ma ricorderò sempre la tua tenera età...
      I tuoi divini sguardi gettati dai pupi rabbiosi su questo filo
      che un giorno disegnerai con la tua forza di libertà.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Maria

        Il lenzuolo di un angelo

        E si copre e si scopre
        quel corpo silenzioso...
        Essere di un abisso ormai dimenticato
        e si odono le linee di quel lenzuolo
        e si odono le sue parole mute...
        Avvicinati a me re degli abissi
        donami il tenero frutto della tua vita lacerata...
        e ascolto il suono dei ricordi
        e ascolto le melodie di quei violenti giochi
        Sorrido di pianto
        Ed intravedo il tuo sguardo malefico
        La tua bugiarda innocenza ti richiama...
        e sento quell'acqua scorrere... ho paura
        e ascolto l'ansia delle mie vene
        Sorido di pianto
        e ti scopri re degli abissi... e mi tuffo... l'acqua è profonda...
        e il tuo lenzuolo mi accarezza nel dolore.
        Vota la poesia: Commenta