Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Maria Rosaria Montesarchio

Mamma e nonna felice, nato lunedì 12 maggio 1952 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Il mondo cambia quando sto con te

Arrivi tu, anima mia
entri nel mio mondo
In punta di piedi,
ti insinui silenziosamente
nel mio cuore,
mi sfiori con lievi carezze,
mi abbracci con delicatezza,
mi coccoli con tenerezza,
mi tieni la mano con dolcezza.
Insieme percorriamo
i sentieri della vita,
ne ammiriamo i colori,
ne aspiriamo i profumi,
ci emozioniamo, amiamo,
sogniamo, gioiamo, speriamo.
Il mondo cambia quando sei con me.
Vota la poesia: Commenta

    Malinconia

    Ti stringo tra le braccia,
    sento che mi sfuggi, sei lontana,
    già proiettata nella tua realtà.
    Io triste e malinconica
    nascondo in un sorriso
    le mie lacrime,
    con un'ultima carezza, ti saluto,
    ti auguro buon viaggio.
    Ti allontani, diventi sempre più piccola,
    poi scompari, ormai le lacrime copiose
    possono sgorgare,
    nel cuore ho tante spine che lo fanno sanguinare,
    su coraggio cuore mio,
    bisogna andare avanti,
    continuare a sperare!
    Vota la poesia: Commenta

      La rappresentazione

      Fogli sparsi, un morbido giaciglio di paglia,
      cielo terso all'albeggiare di un nuovo giorno di vita,
      profumo di terra bagnata di fresco,
      petali di fiori disfatti...

      Pareti dipinte di candida calce,
      prigioni di cemento,
      puledri scalpitanti,
      pecore al pascolo.

      Tiepido sole d'ottobre,
      mormorio di un ruscello,
      con pennellate rabbiose di colore
      un pittore incompreso dipinge l'amore.

      Notti insonni, un sorriso sul volto scarno
      di un poeta che canta la vita.
      La notte discende e avvolge
      nel suo nero mantello gioie e dolori.

      Sirene squarciano l'aria,
      ciminiere sbuffanti nere nubi di fumo,
      suono di passi, voci allegre, beffarde,
      volti sonnacchiosi, sorridenti, gioiosi, tristi.

      Brulichio di gente,
      gli attori sono in scena,
      ha inizio la rappresentazione,
      l'eterna altalena della vita si ripete.

      Un vagito, è nato un bimbo,
      un fiore, una gemma si è dischiusa,
      un cinguettio, gli uccelli hanno rifatto il nido,
      pallidi ciuffi di verde qua e là.

      Il freddo inverno è passato,
      ritornano i bei colori, il tepore del sole,
      le lacrime si mescolano ai sorrisi,
      la speranza non è vana!
      Vota la poesia: Commenta