Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Maria Lo Monaco

Scrittrice, nato lunedì 30 marzo 1959 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Aquilablu59

Metamorfosi il viaggio della vita

Iniziò l'incanto, con un dolce suono di violino.
M'incamminai con passo lieve, incontro al mio destino.
La meraviglia fu nel percorso, comparvero le ali sul mio dorso.
Da donna quale ero, in Aquila mi trasformai,
affinché il dolore non arrivasse mai.
Nella mia mente tutto tramutai.
Il rinnovare ed il mutare,
divennero le mie ali della vita,
dove qualsiasi cosa... non feriva.
Un cielo vasto come casa,
e nuvole infinite per compagne.
Una felicità infinita, dove non c'era prezzo da pagare.
Solo un colore da poter trovare,
il blu del cielo, profondo come il mare.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Aquilablu59

    Cyrano

    E poi si arriva alla frutta,
    certo è una strana sensazione.
    Ma forse è così che vanno le cose.
    Credo che sia il mio carattere,
    il mio modo di pensare,
    il voler vedere sempre il bello,
    in ogni azione.
    La mia sindrome di peter pan.
    Che non ammette la falsità.
    Ma noi, siamo adulti,
    e non bambini.
    Non siamo stupidi, nè cretini,
    per cui, ci sta,
    che ci vorrebbe la verità.
    Ma questa è la vita,
    ne prendo atto,
    anche se in cuor me ne dispiaccio!
    Come un moderno Cyrano,
    io non comprendo la menzogna,
    sfodero la penna, e quindi scrivo.
    Non uso armi, ma l'alfabeto,
    e dico ciò che penso,
    ma non sempre viene recepito.
    Per cui, che dirti mio caro amico,
    a buon intenditore non servono parole.
    Se nella menzogna vuoi restare,
    sei libero di fare come ti pare.
    Io mi chiudo, nel mio silenzio,
    accettando, il tuo modo di fare.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Aquilablu59

      Frammento

      Ogni giorno cancello,
      un piccolo frammento.
      E poi proseguo,
      senza incertezze.
      Nel mio cuore,
      non ho più voglia di dolore.
      Voglio sorridere e gioire.
      Voglio correre sulla spiaggia.
      Guardare il mare e la sua riva.
      Non c'è più posto per l'attesa.
      Resta lì fermo, nella tua vita.
      Non ti affannare,
      continua ad annaspare,
      in quel tuo peregrinare
      da piccolo borghese quale sei.
      Mantieni intatta la tua ipocrisia.
      Io voglio vivere della mia follia.
      Io amo di emozioni,
      tu solo di parole.
      Non hai un cuore indomito,
      no, tu non sai cos'è l'amore.
      Vota la poesia: Commenta