Scritta da: Marhiel Mellis

Irreversibile malinconia

Questo cercare profili,
e sguardi
lungo vie,
quest'ansia
di strette di mani,
questo ingigantire
quel senso d'abbandono
che limita
ragionevolezza
degli innumerevoli
propositi
nel non voler intagliare
solo d'apparenza
il mio giorno...
Vado per vetrine,
luccichio inutile
di desiderio
di cose che poi
trascuro,
lasciando alle ore
tracce
del mio solitario
camminare.
M'apposto
in un angolo remoto
nella mente...
e piango
la mia irreversibile
malinconia di te.
Marhiel Mellis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marhiel Mellis

    Tu, essenza vitale

    Cosa mi ha stupito,
    forse la tua lucida pupilla,
    o le tue movenze,
    o il tuo intonare sinfonie
    nel tuo andare verso il mondo...
    Cosa mi ha intrigato,
    forse le tue umide labbra,
    il tuo avvicinarti ai
    miei segreti bisbigli...
    il tuo pensiero, la tua logica,
    il tuo appassionarti
    al tramonto promesso
    ai sogni...,
    la carezza materna che è in te
    o ancora il tuo farmi sentire felice
    nel mio esilio quando tu,
    pur lontano dai miei baci,
    sei ugualmente essenza vitale
    nella mia mente.
    Marhiel Mellis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marhiel Mellis

      Influsso d'amore

      Languido influsso
      è quell'ora
      quando il tuo silenzio
      m'attrae...
      e osservo muta
      il tuo respiro...
      e t'immagino
      destriero del tempo,
      a rincorrere sussulti
      di passione
      e stendere il tuo manto
      di principe
      nei miei sogni...
      e le tue mani
      corde di cetra
      a inventare armonie
      sulla mia timidezza...
      Ti guardo nella mente
      e ti amo
      di pensieri
      che s'allungano
      improvvisi nastri
      avvolgenti il tuo essere
      sorpresa per me...
      pur nel tuo perderti
      lontano.
      Marhiel Mellis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marhiel Mellis

        Il mio particolare

        Il mio particolare
        si ferma nel tuo sorriso,
        s'infiamma tra le tue labbra
        disegnate di morbidezza...
        Il mio particolare
        che stravolge il desiderio
        si ferma al tuo bacio
        che languido s'offre
        alla mia pelle...
        Il mio cercarti
        è ovunque il tuo profumo
        indichi il tuo passaggio
        e m'inebrio seguendo l'orma
        come segugio fedele
        annusando l'amore
        e calda amante
        m'accuccio
        assaporando con lentezza
        il tuo respiro...
        Marhiel Mellis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marhiel Mellis

          Stringi le mie mani

          Stringo le tue mani,
          amico mio,
          e ascolto il tuo dolore...
          racconta di te,
          la tua lontana terra amata
          e debole di futuro,
          la tua paura
          nel sentirti diverso,
          il tuo fuggire
          dai deliri del vivere sperduto
          senza sguardi d'amore...
          stringo forte le tue mani,
          amico mio
          e tu, improvvisamente
          hai coraggio
          per guardare avanti...
          Stringi le mie mani,
          amico mio
          e ascolta le mie incertezze,
          ti racconto
          della mia terra amata
          apparentemente dura di pregiudizi
          nelle menti,
          capisci la mia paura
          dell'ignoranza intorno che respiri,
          il mio fuggire, attonito,
          dai deliri dell'indifferenza
          e della supponenza.
          Stringi le mie mani
          ed io improvvisamente
          non sono più solo...
          andiamo insieme, amico mio,
          solidali di domani...
          anime uguali tu ed io,
          in uno viaggio
          lungo la vita dei nostri destini.
          Marhiel Mellis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di