Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Megghy

Le notti rubate

Una serata candida colma di stelle bianche
ricordava con stupore sensazioni proibite.
Leggera era l'aria con rumori assai pesanti.

Occhi verso l'alto ad ammirare la piacevole notte
Che lentamente scopriva tutti i colori dell'arcobaleno.

Pensieri proibiti...
creati per poi essere esiliati dalla mente...
Mente stanca di produrre la tenue dolcezza...

Affiora ogni giorno lo spazio delle cose mai dette...
e come dopo una tempesta di ghiaccio
Nulla si muove.
Composta martedì 6 giugno 2000
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Megghy

    La fermata

    Sentivo da lontano un inebriante profumo
    che chiamava l'attenzione di persone
    non autorizzate a percepirlo.

    Arriverà un momento dove nessuno
    avrà parole chiare da dire,
    la possibilità di scolpire certezze sulle pareti dell'anima...
    Solo un'illusione.

    Davanti a me le bugie corrono
    ma non sanno che sono già morte.
    Ancora una volta respinta dalla fortuna,
    racchiudo vergogna nell'ammettere che le decisioni
    prese dal mio cervello non coincidono
    con la vita che avevo scelto di vivere.

    La speranza è di essere guardata per una volta
    con gli occhi di chi sa cosa c'è nel mio regno.
    Composta giovedì 21 ottobre 1999
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Megghy

      Lo specchio dell'anima

      Un occhio verso il cielo, l'altro, non guarda.
      Fotografie inutili sequestrano la mia memoria...
      Tenendola lontana da tutto.

      Cerco di risalire, mi impegno per far credere a tutti che sto meglio...
      Che merito di più... che ho sbagliato tutto fino ad ora.
      Stanca di ricominciare a credere, mi accorgo che devo abbandonare un'idea costruita con fatica.
      L'orgoglio mi ostacola... e vuole che continui perché è convinto che la strada sia questa.

      Oppongo resistenza, e cammino velocemente verso
      Un mondo che non conosco, vedo tutto in modo diverso.
      La mia testa ha cambiato bandiera...

      La confusione regna sovrana... come la speranza
      Di poter guardare ancora qualcuno con gli occhi dell'amore.
      Composta venerdì 15 maggio 2009
      Vota la poesia: Commenta