Scritta da: marghe12
Scarpe logore
vestiti incrostati di polvere e di miele,
disegnano le tue forme appena accennate

l'odore scuro che pervade l'aria
descrive una sensazione che
macchia il tuo cuore

un treno in partenza sviscera
le fibre di questo cielo
che cade

come una palpebra chiude
il tuo pensiero in un sogno
la città dentro un'isola sommersa

rimpicciolisce e dilata le persone
fino al sottile
confine della non percezione

l'afa ovattata che circonda le cose
quando stai per morire.
Margherita Iuzzolino
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: marghe12
    Nella notte non temere,
    non son fiaccole d'argilla
    le luci che brillano
    sopra i tetti, vicino al cielo...
    Nella notte non temere,
    non son serpi che aggrediscono,
    le strade che si snodano
    tra le case, in mezzo ai rami...
    Nella notte non temere,
    l'ombra che si muove,
    dietro le finestre, degli angoli dimenticati...
    Nella notte non temere
    non son stelle cadute
    i lampioni che incendiano
    la piazza, sotto gli alberi ammusoniti,
    e spingono la loro ombra a terra,
    più profonda di una gola,
    nera e silenziosa. Tremenda, come la paura.
    Nella notte non temere,
    la fantasia che gioca con la ragione,
    nella notte non temere
    la mano che si allunga e poi si ritrae,
    son solo pensieri sparuti,
    le paure, in cerca di un
    po' di compagnia.
    Margherita Iuzzolino
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di