Scritta da: Marco Teocoli

Sapessi dirti

Sapessi dirti quello che vivo dentro
Sarebbe come dire alle nuvole di cadere
Per vedere il cielo libero da ostacoli
Il cuore non ha regole ma pentacoli

Sapessi dirti quello che vivo dentro
Sarebbe come l'abbraccio fra luna e sole
Stretti nel romantico etereo calore
Il cuore necessita di tutto il tuo amore

Sapessi dirti quello che vivo dentro
Sarebbe come prenderti per mano
Per condurti dove c'è il sereno
Ti meriti tutto il bene terreno

Sapessi dirti quello che vivo dentro
Sarebbe come trovare la combinazione
Per me sarebbe come una liberazione
Poterti amare è la mia ispirazione

Sapessi dirti che amare sarebbe vivere.
Marco Teocoli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Teocoli

    La donna s'offre in silenzio

    Donna che offri anima e corpo
    pensi che lui abbia rispetto
    del tuo mondo in cui credi
    pensi che fa parte dei sogni.
    Lui principe e tu addormentata
    ti svegli per essere desiderata
    la realtà credimi è cambiata.
    Lui in te ha visto il bisogno
    di volare come un cigno.
    Quando il tuo amore hai rivelato
    ti ha lasciato il cuore in pegno
    con la promessa di starti accanto
    nel bene e nel male
    fino al finale.
    Ora che sei sveglia
    una valigia sulla soglia
    racchiude un sogno
    nel silenzio di un viaggio.
    Marco Teocoli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Teocoli

      Quel sentiero oltre il ponte

      Al crepuscolo di un giorno lento a svanire,
      smarrito con occhi tristi di lacrime al cuore,
      lo sguardo steso oltre l'orizzonte.
      Quel sentiero oltre il ponte,
      di là del quale profeziano i miei pensieri,
      volteggiano leggiadri e liberi gli amori.

      Sarà l'alba del delirio,
      Infrangente del mortorio,
      a darmi forza e slancio,
      Come un grande lancio,
      gambe al vento per correre forte,
      verso Quel sentiero oltre il ponte.

      Quel sentiero oltre il ponte,
      in traghetto con Caronte.
      Butto giù l'obolo in fondo
      per errare nell'altro mondo.
      Perché senza te, nessuna meta c'è.
      Senza te mi sento, dannato dentro.
      Marco Teocoli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Teocoli

        Aquila d'amore

        Un tempo ero aquila dalle grandi ali.
        Dai monti ai ruscelli ai grandi viali,
        in un batter d'occhio fiondavo sui rami.
        Bestia affidabile e fedele ai propri doveri,
        un solo amore nel cuore e nei pensieri.

        Dalla mano di un arciere una freccia scoccò,
        col sibilo dell'aria in un attimo il cuore tagliò.
        Il batter d'occhio fu ancor più veloce,
        in picchiata persi i sensi del rapace.
        Tramortito a volar non fui più capace.

        Le ali tarpate in una gabbia.
        Il cuore spezzato per la rabbia.
        Mi hai ferito e interrotto il volo.
        Mi hai deriso e lasciato da solo.
        Vuoi farne di me ciò che non sono.

        Un tempo ero aquila per te,
        spartivamo i sogni io e te.
        Adesso cosa te ne fai di me,
        se i miei occhi non brillano più,
        se le mie ali non spingono su.

        Uomo! Che hai inseguito sempre un sogno,
        quello di Icaro come supremo del tuo regno.
        Ora comprendo il senso del tuo inseguimento.
        Mai come ora vorrei ali per volare
        per fuggire da questa galera.

        Mai nessuno sarà capace di trattenere un rapace.
        Marco Teocoli
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di