Scritta da: Marco Teocoli

Non hai capito di quale amore sono capace di amare

Non hai capito di quale amore
Sono capace di amare

Vederti soffrire mi porta dolore,
un chiodo squarcia il cuore,
guardi dentro me scorrere
l'ultimo sangue d'amore.
La regia di un film d'orrore,
tanti brandelli senza pudore
seminano tanto terrore.

L'anima era pronta ad amare,
A te, a voi ha chiesto di entrare
nel labirinto che porta a sperare.

Perso fra i filari per inseguire
il sogno con cui volare
sopra ogni cosa poter guardare.
Così scendo in picchiata per virare
sui tuoi dubbi come fremi, per fermare
la scia d'acqua sul tuo mare.

Quante volte hai detto di amare.
Com'era bello poter naufragare
e pensare di poter arrivare
indenne nel giardino del tuo cuore,
proteso a raccogliere il tuo fiore.

La tua illazione per il mio essere
libero da schemi del pensiero.
Accetti di non accettare
ciò che potrei argomentare.

Non hai capito di quale amore
Sono capace di amare

Sono dolce tenero e mansueto,
sono premuroso ed inconsueto.
Peccherò di falsa modestia
ma sono ridotto come bestia.
Sentimenti da cui scappare
emozioni da cui evadere.
Le uniche siete voi da salvare.

Non hai capito di quale amore
Sono capace di amare

Sono capace di implodere
per non farti sentire il mio dolore.
Sono capace di scegliere
una vita per pregare.
Sono capace di fermare
la penna del mio scrivere
Sono capace di morire
per non farvi soffrire.

Non hai capito di quale amore
Sono capace di amare.
Marco Teocoli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Teocoli

    Paura di perdersi

    Sei arrivata da acque profonde,
    mimetica fra i sogni delle onde.
    Per un attimo ti ho individuato,
    così mi son tuffato.
    Io che sto con la terra sotto i piedi,
    di rado mi tuffo in acque profonde mille piedi.
    Ma l'idea di esplorare l'ignoto
    mi da un motivo e nuoto.
    Giù negli abissi del tuo mare
    senza emergere per respirare,
    per paura di perdersi
    e la voglia di mordersi.
    Marco Teocoli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Teocoli

      Fiore dell'amicizia

      Dopo le immense
      parole intense,
      ora non trovo quelle giuste
      per continuare a viverle, queste.
      Forse il mio cuore risentito,
      per non aver capito,
      la circostanza
      che ha dato speranza
      ad un nuova era,
      ad un fiore di primavera.
      Chiedermi se amo il mio mondo,
      alimenta dubbi in un secondo.
      L'amore vuole libertà
      per crescere con serenità.
      Fiore dell'amicizia
      voglio che per te inizia
      un nuovo giorno di sole
      senza indugi e nuvole.
      Marco Teocoli
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di