Scritta da: Marco Teocoli

Festa per protesta

Non è mai festa,
ma un giorno di protesta.
Ne son passati più di cento,
quello che conta non è il tempo.
Il vero scopo è il cambiamento.

Tra miti e verità
si tiene alta la volontà,
per distruggere la prevaricazione
nei confronti delle persone.

Se ognuno di noi fossimo
sensibili verso il prossimo,
se fossimo attenti alle esigenze
e non solo alle urgenze.

Penso che si potrebbe fare
di più per chi pensiamo di amare

Fate sentire il vostro discorso
anche nei giorni in cui non c'è posto
per le mimose e per gli auguri.
Procreate uomini più maturi.

Riscattiamo ogni donna,
per non cadere nella vergogna
di un mondo incapace,
di dare giustizia e pace.

Scusate se non faccio gli auguri,
credo che ci vogliano verbi più duri,
come combattere e lottare
per cui ne vale la pena credere,
che l'8 Marzo sia un giorno per ricordare
e soprattutto per cambiare.

A voi, senza, non nasce poi.
Marco Teocoli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Teocoli

    Salita in discesa

    Quando tutto finisce così
    la luna colora di venerdì,
    i profumi e le viole nascondono il sole,
    tutto annacqua lento scioglie il dolore.

    Sai che sei di nuovo in salita,
    ti senti giù alla fine della vita,
    fermo come un sacco immobile,
    pensi di non meritare un gesto ignobile.

    Hai cozzato e te lo sei meritato,
    coraggio hai ancora sbagliato,
    quanti ancora ne farai
    e tanti altri ne scriverai.
    Se no, dimmi che uomo sarai.

    Alzati un nuovo giorno
    Con altre delusioni intorno
    ti aspetta, il tempo di una sigaretta,
    un caffè e la corsa di una vita
    folle, vissuta e derisa.
    Marco Teocoli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Teocoli

      Stelle cadenti

      Innamorarsi e non aver vergogna,
      provare nonostante tutto a volteggiare.
      Amore di due stelle lucenti nella notte cadenti,
      esprimere un desiderio importante e serio.

      Niente di così prorompente era accaduto precedentemente,
      niente di tanto sublime da scrivere tante rime,
      niente di così vero da far invidiar il mondo intero.
      Un mare di parole tirate fuori da non so dove.

      Un amore tanto forte quanto abbagliato,
      credo che così tanto non abbia mai amato.
      Fiore solitario nella spiaggia dei desideri.
      Cuore ribelle desto aperto ai tuoi pensieri.

      Come un albero di primavera conquistato dal tuo raggio di sole.
      Tiepido e abbastanza intrepido il tuo umore.
      Ho aperto i miei rami per farti cullare dai fiori,
      Tu come un ape hai preso nettare e colori.
      Il vento ha messo in atto una danza magica,
      ricordo tutto è stata un'esperienza unica.

      Adesso riesci a non vedere i colori.
      Non trovi più la musica e gli odori.
      Adesso hai perso la voglia di me,
      Hai perso il filo nel labirinto del re

      Come un fiume bagnato dal temporale,
      porto con me tanto mare e mi chiedo dove andare.
      Continuare a navigare nel ricordo che oggi mi fa male,
      oppure adagiare nel letto del silenzio per non pensare.

      L'amore ti accende quando sai che c'è
      L'amore ti spegne quando lei non c'è

      Mancherai al mio cuore impazzito per te.
      Riuscirai a non farmi dimenticare di te.

      Lascerai quel piccolo dolore
      per il quale non nasce amore.
      Marco Teocoli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Teocoli
        Ci vorrebbe il sale
        per schiacciare il male
        del mio mondo arido
        adesso anche squallido

        ci vorrebbe chi mi spiegasse
        come vanno scelte certe mosse
        con insita razionalità
        o con estrema impulsività

        ci vorrebbe qualcuno che
        sciolga tutti i miei perché
        da quando non ci sei
        non dico più per te riderei

        ci vorrebbe chi mi faccia dire
        certe cose che non so più dire
        non so neanche io dove andrò
        forse ancora solo camminerò

        ci vorrebbe un altro volo
        affinché in un colpo solo
        mi faccia riprovare la mancanza
        di ossigeno per rimanerne senza

        ci vorrebbe di nuovo quell'attimo
        in cui è cessato il battito
        in cui il mio corpo sentii libero
        e le mie ali l'aria spinsero

        ci vorrebbe la parola corretta
        per dirti la mia sensazione esatta
        da quando il mio ultimo sguardo
        ti ricorda andar via col bastardo

        ci vorrebbe il sinonimo di sconforto
        per quanto non possa darti torto
        quella parola è dolore
        da allora soffoca il mio cuore.

        Ci vorrebbe il parlare
        per tornare a sperare
        anche se l'illusione
        genera la mia visione

        ci vorrebbe un passepartout
        per avere accesso al tuo cuore
        per immergermi nel tuo amore
        la verità è che ci vorresti tu.
        Marco Teocoli
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Teocoli

          Gelida corazza

          Parole che hanno scaldato il cuore.
          Parole mescolate dall'emozione.
          Son sempre parole che arrivano dritte al cuore.
          Anche le ferite aperte
          sono causate da parole dette.

          Calde come il sole,
          dipinte da un pittore,
          parole che riempiono di nero
          un racconto sincero quasi vero,
          virtuale ma non per questo ideale.

          Scrivo per te, per lei,
          anche per noi e per voi
          le parole ascoltate poi.
          Scrivo soprattutto
          col mio carattere brutto,
          spesso chiuso nella stanza
          della mia gelida corazza.

          Quante volte ho desiderato
          di scorgere un buco traforato
          da un raggio di sole,
          affinché porti calore
          dentro il mio cuore.
          Per farmi respirare
          aria di vita buona per viaggiare.

          Tu, che hai appena scalfito
          la mia gelida corazza,
          ora che hai udito,
          non spegnere la speranza
          di un cuore inaridito,
          ne per sete ne per orgoglio
          ma per un amore che tanto voglio
          e tanto spero
          da far tremar il mondo intero.

          Ascolta ciò che c'è da sentire.
          Culla ciò che c'è da far sbocciare.
          Ama tutto ciò che c'è da amare.
          Marco Teocoli
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di