Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marco Teocoli

Come nasce l'amicizia

Cerchi di solito fra le persone care
ma quello che vuoi son le virtù rare.

Pensi di trovare amicizia fra le braccia di lei spesso,
invece puoi avere amore sentimento e forse sesso.

Una volta l'amico era lo scrigno dei tuoi sogni nascosti,
era la versione di latino o il suggerimento in classe.

L'amico era le prime sigarette
e chi per te prendeva botte.

Con lui passavi le ore della notte
e pianificavi gli eventi della sorte.

Del tuo amico più caro ne hai pure patito,
quando ad un tratto senza salutarti è salpato.

Di lui solo il ricordo
o forse un rimorso.

Oggi il tuo amico ti fa il trillo,
con gli sms e le chat fa il bullo
e quando meno te lo aspetti
non risponde e tu sospetti.

Anche questa è amicizia
per chi mette il cuore in lizza.
Anche se c'è chi non la vive come tale
e che può manifestarsi molto banale.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Teocoli

    Amico mio

    Sei un amico di chi nelle notti si sente sola,
    hai le parole giuste fra i rimbocchi di lenzuola.

    Hai fatto piangere di gioia
    e mai morir di noia.

    Come un falco sei predatore
    di mille cento un solo cuore.

    Sei forse unico nel tuo genere,
    come araba fenice risorgi dalla cenere.

    Per te le donne perdono il senno.
    Da te gli uomini hanno tratto l'ingegno.

    Tu rimani sempre quello di sempre,
    nonostante gli anni il cuore non mente.

    Le tue parole sono come i consigli
    nei momenti incerti sono gli appigli.

    Per me sei un amico vero
    perché nelle tue parole credo

    Così è la fede in ciò che non abbiamo visto,
    ma nel cuore sentiamo e teniamo un posto.

    Non importa se non ci conosciamo,
    il senso è quello per cui viviamo.

    E con grande ammirazione
    noi tutti per te Biagio un'ovazione,
    per il tuo giorno dei tanti giorni che verranno
    un abbraccio per un buon compleanno.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Teocoli

      Come nasce un amore

      Nel suono di una fisarmonica
      fra un violino e l'armonica
      nasce un forte sentimento,
      acceso dal nulla al momento.

      Le campane in festa
      dindondano nella testa.
      Un fuoco arde lento
      nel petto prima spento.

      La magica sensazione
      precede una forte emozione.
      Il sangue scorre come fiume
      e l'anima vola come piume.

      Il cuore sente il frastuono.
      Apre l'uscio e chiede: cos'è questo suono.
      Sono io buon uomo,
      per te c'è un sole nuovo.

      Abbagliato e agitato come mescolato
      nel silenzio del suono adagiato,
      il cuore spalanca le narici,
      annusa l'odor dei salici
      accoglie nel suo tepore
      il sentimento che si chiama amore.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Teocoli

        Dedicata a Pasquale e Giuseppe (Angeli nel blu)

        Una corsa in moto
        come un abbraccio al mito

        incontrollabili emozioni
        scatenanti trazioni

        frena via accelera
        corri arriva la celere

        vai col rosso
        A più non posso

        che male abbiam fatto
        per agguantarci sul fatto

        scappa per il sottomano
        bello siamo in contromano

        ehi guarda ci sono due ragazzi
        che corrono come I pazzi

        cazzo ci hanno fatto il mazzo!
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Teocoli

          Una mamma

          Una mamma sente nel cuor suo.
          La vita nasce nel grembo suo.

          Una mamma ama prima di essere amata,
          lei sa andare avanti e non può essere fermata.

          Una mamma ha il dono per creare,
          lei sa meglio di tutti amare.

          Non permettere alle leggi dell'uomo di ferirti,
          lotta a denti stretti contro chi vuol ghermirti.

          Nel cuore di una mamma c'è la forza della vita nostra.
          Nessun perfido maschio può inveire quando si prostra.

          E tu uomo che non sei degno,
          come credi di far pagare pegno
          a chi come la terra ti da vita e morte,
          a chi adora i figli tuoi anche se tu non hai sorte.

          Ravvedi il tuo pensare,
          perché ciò non è amare.
          Quello che stai facendo è solo del male
          alle tue figlie ed al loro immenso sole.

          Loro come principesse in silenzio,
          voleranno via dalla tua gabbia di bronzo.
          E tu come un vagabondo
          vagherai senza amore per il mondo.
          Vota la poesia: Commenta