Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marco Teocoli

Non è il tempo

Non è il tempo
e neanche il vento
che può portare via i ricordi,
quelli più forti.

Le canzoni, le belle azioni,
così come le emozioni
segnano i solchi della nostra memoria,
indimenticabili momenti di vita straordinaria.

Viviamo di questo,
anche di un piccolo gesto,
tutto ciò che provoca battiti
prolungati seguiti da brividi.

A farmi compagnia
sarà la lunga scia
dei ricordi più vecchi,
dei miei nei tuoi occhi
del tuo tanto cuore
e del tuo grande amore.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Teocoli

    Guardiamoli negli occhi

    Quante volte qualcuno dal cuore duro,
    in branco come animali li hanno derisi.
    Altre volte picchiati e buttati fra i rifiuti,
    peggio li hanno abbandonati al loro fato.

    Ma quale destino se non hanno la capacità di trovare.
    Ma quale destino se non chiedono che il nostro amore.

    Siamo noi il loro destino
    possiamo dargli la luce
    Il sole
    l'amore.

    Hanno la sensibilità di una colomba appena nata,
    indifesa senza peccato e voglia di vivere innata.
    Hanno ali di burro e toccano il cielo.
    Hanno lo sguardo felice e fiero.

    I più fortunati hanno la comunità per famiglia.
    Spesso li troviamo circondati da tanta ferraglia.
    C'è pure chi si prende cura dei loro bisogni,
    ma l'ignoranza e la vergogna tarpano i loro sogni.

    Guardiamoli negli occhi,
    ricordiamo i loro nomi.
    Non sono loro i veri disabili
    ma sono le barriere degli abili.

    Fare di più si può, ricordare di fare, mai dimenticare.
    Composta sabato 17 ottobre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Teocoli
      È calata la notte,
      mi sento chiuso in una botte.
      Un dolore insolito,
      mi attraversa indomito,
      è straziante,
      è lacerante,
      è come il fiele atroce,
      dato all'Uomo sulla croce.
      Il mio cuore si contorce,
      è arrivato con le torce,
      sale fino al torace,
      non bussa per la riunione,
      con il mio cuore quel magone.
      Sono forte e spero,
      affinché riconquisti il mio impero.
      La regina è a dettar le regole,
      rispettoso verso la donna regale,
      chiedo il perdono,
      per quel dono,
      che non mi fu concesso,
      per, di tanto amor eccesso.
      La mia colpa, tutta qui,
      quella di volerti bene ogni dì.
      Di amarti con l'amore,
      che nessun altro cuore,
      ha visto mai.
      Così nascono i miei guai.
      In questa notte stellata,
      come un angelo sei volata.
      Ti cerco fra le stelle,
      guardo solo le più belle.
      Un tonfo ed è buio dentro me,
      non potrei vivere senza te.
      Ti ringrazio per ciò che mi hai dato,
      ti ringrazio per avermi notato,
      ti ringrazio per aver osato,
      ti ringrazio per il bene voluto.
      Hai deciso di andare,
      per la tua strada ad amare,
      spero che i tuoi sogni possa realizzare
      Ricordati ogni tanto,
      del diavoletto accanto.
      Hai lasciato il tuo messaggio,
      nel mio cuore come un tatuaggio.
      Lo porterò con me nel mondo,
      dovessi andare nel fondo
      degli oceani, per leggerlo,
      mai per distruggerlo.
      Ora vado via in compagnia
      del mio dolore, anima mia.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Teocoli

        L'importanza di essere importante

        Non sono una persona importante,
        forse per alcune o forse per tante.
        Non mi trovate fra i guinness dei primati
        e che io ricordi non credo sia fra i premiati.
        Però sono un uomo nel bene e nel male,
        sono io con la mia dignità personale,
        sono vivo e dentro mi batte un vero cuore,
        con sentimenti, passioni e tanto amore.

        Non sarò certo un cantante,
        neanche un vero narrante,
        ma quello che dico lo sento,
        lo ascolto, lo parlo e lo canto.
        Con la mia anima siamo vicini.
        Con il resto del corpo a volte lontani.
        Occhi per vedere e bocca per parlare,
        occhi per parlare e bocca per baciare.
        Penso che sia tutto normale,
        come chi è nato importante,
        anche per chi è a volte adulante.

        L'importanza di essere importante,
        fa sentire la gente distante.
        Quando leggi chi poco importa
        non dai seguito e chiudi la porta.
        Per qualcuno è un segnale forte,
        a volte i sogni sono come le porte.
        Bisogna lasciarle aperte, sii sensibile
        perché non sai se dentro c'è un'anima apprezzabile.
        Non tanto per i suoi titoli o per le sue gesta
        o ancor peggio per l'opera funesta,
        ma per spirito di fratellanza:
        credi sia meritevole di importanza?
        Vota la poesia: Commenta