Scritta da: Marco Teocoli

Non potrai mai

Se anche tu
Non hai dimenticato
La pioggia
non hai dimenticato
il respiro
non hai dimenticato
i miei occhi nei tuoi
non hai dimenticato
il cuore nel cuore
non hai dimenticato
l'attimo migliore.

Dimentica
le sofferenze
dimentica
le attese
dimentica
i giorni senza.

Ricorda
la presenza
ricorda me
senza di te.

Potrai bruciare
la carta nel braciere,
potrai cambiare
indirizzo e numero,
potrai spegnere,
pc e cellulare,
potrai farmi internare
per farmi tacere.

Ma non potrai mai
rimuovere il mio amore per te.
Marco Teocoli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Teocoli
    Ci vorrebbe il sale
    per schiacciare il male
    del mio mondo arido
    adesso anche squallido

    ci vorrebbe chi mi spiegasse
    come vanno scelte certe mosse
    con insita razionalità
    o con estrema impulsività

    ci vorrebbe qualcuno che
    sciolga tutti i miei perché
    da quando non ci sei
    non dico più per te riderei

    ci vorrebbe chi mi faccia dire
    certe cose che non so più dire
    non so neanche io dove andrò
    forse ancora solo camminerò

    ci vorrebbe un altro volo
    affinché in un colpo solo
    mi faccia riprovare la mancanza
    di ossigeno per rimanerne senza

    ci vorrebbe di nuovo quell'attimo
    in cui è cessato il battito
    in cui il mio corpo sentii libero
    e le mie ali l'aria spinsero

    ci vorrebbe la parola corretta
    per dirti la mia sensazione esatta
    da quando il mio ultimo sguardo
    ti ricorda andar via col bastardo

    ci vorrebbe il sinonimo di sconforto
    per quanto non possa darti torto
    quella parola è dolore
    da allora soffoca il mio cuore.

    Ci vorrebbe il parlare
    per tornare a sperare
    anche se l'illusione
    genera la mia visione

    ci vorrebbe un passepartout
    per avere accesso al tuo cuore
    per immergermi nel tuo amore
    la verità è che ci vorresti tu.
    Marco Teocoli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Teocoli

      Volontario

      Non avevo mai sentito il suo nome
      ho avuto una strana sensazione,
      era li forte e bella
      con le braccia immerse nella terra,
      un forte grido la fece tremare
      era il pianto di un bambino
      in fretta le sue mani a cercare
      di corsa verso il tombino.
      acqua e fango a volontà
      il tempo non ha pietà.
      solo un attimo ancora
      ed il pianto vivrà perora,
      per un soffio strappato
      come uno zombi interrato.
      in un abbraccio a stringerti forte
      piangi e ridi ma non è morte.
      grazie al cuore di chi ti ha salvato
      il volontario verrà ricordato.
      Marco Teocoli
      Composta lunedì 31 ottobre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di