Poesie di Marco Nuzzo

Nato martedì 25 aprile 1978 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Umorismo.

Scritta da: Marco Nuzzo

I ponti verticali

Sorpassarti tra le nuvole
senza chiederti le ali
e su ponti in verticale,
collegati
a paradisi
pitturati di bianco
che mai muoiono
nei tuoi occhi,
poi i sorrisi,
maturati
sopra mandorli fioriti
che spedisco
dentro spirali
cadute
in buchi neri
quando mancano,
tuoi sapori speziati
di labbra
e dita
sopra i tasti lavorati
di pianoforti nella testa,
muti
nell'assenza
d'alchimia
nei battiti del cuore.
Marco Nuzzo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Nuzzo

    Respirandoti

    Nell'aria,
    straniera,
    familiare,
    respirarti
    gli eterei umori
    in polvere di stelle
    su infiniti
    cieli distanti
    abbracciati
    tra i monti
    miranti alle galassie...
    e mi depuri,
    riempiendomi di te
    spodestando
    i miei pensieri
    nelle storie
    raccontate
    sopra fuochi sfavillanti
    accesi d'inverno,
    sotto i mari
    che spengono il sogno,
    tra le sabbie ed il sale
    purificatore
    d'antiche piaghe,
    affondate
    dentro oceani
    di sguardi
    che stregano
    disincantati cuori.
    Marco Nuzzo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Nuzzo

      Espressioni matematiche malinconiche

      Siamo io e te,
      fattori
      di sommatorie
      sottratte
      a paradisi incostanti,
      perduti
      su isole del cuore
      da dove
      costruisco ponti
      mentre tu
      scavi gallerie
      per incontrarmi
      all'infinito
      di idee adiacenti,
      semmai forse
      condivise
      tra graffe
      e sorrisi
      a forma di parabole
      e/o parentesi tonde
      orizzontali,
      nelle espressioni
      inespresse,
      taciute,
      per astratto benessere
      di noi,
      giudici giudicati,
      divisibili per muri
      con pareti di carta
      che spengono luci
      ormai difficili
      d'elevarsi a potenza.
      Marco Nuzzo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Nuzzo

        E tu mi chiami vincente

        Scintille su pelle
        -sprofondano-
        incidono
        laceranti disegni
        penetrando
        porte vergini
        -e tu mi chiami vincente-
        se il mio
        sorriderti tra le spine
        t'appare leggero;

        il guscio è superficie
        più profonda è la bufera
        quando il mare
        si preannuncia blu
        e il vuoto
        (tacito)
        non si colma
        gemendo
        dentro vasi lacrimali
        asciugàti poi al sole;

        sogno,
        capita,
        di uno squarcio
        dentro il cielo,
        e godere
        un istante
        d'una luce
        nella pioggia,
        scoprirti vicina
        che sorridi,
        mi scaldi...
        e tu mi chiami vincente.
        Marco Nuzzo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Nuzzo

          Drenandoti le lacrime

          Scivolano,
          su boccioli di rosa
          e foglie,
          gocce...
          rugiada trasparente;
          è
          come tenerti a mente
          quel sorridere
          disperso,
          a volte
          stillante
          il lacrimare,
          celato
          dentro sguardi
          di vetro,
          drenarti i flussi
          in tensione
          su fili
          d'ingiusta ansia
          e scalfirti
          con la seta
          sulla pelle,
          poi stremarti
          con un bacio...
          e morirmi
          in un abbraccio.
          Marco Nuzzo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di