Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marco Levati

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Marco Levati

Cler

Vago solitario in un deserto di pensieri e mi accorgo che nel mio universo sei arrivata tu

Non so chi sei ma già ti conosco, i tuoi occhi parlano per te...

gli occhi non sono il corpo, sono l'anima

non sono la mente sono il cuore

non serve essere all'altezza si è e basta...

I tuoi occhi sono il tuo volto, la tua essenza

Tu sei...
Tu sei nell'ora dei momenti di gioia
Tu sei qui con me e con tutti quelli che ti portano nel cuore
Tu sei la pace nelle anime e nei corpi
Tu sei un cielo stellato
Tu sei quella conchiglia luminosa che nelle notti tien desto il nostro animo... luna
Tu sei tutto il bene del mondo
Tu sei in ogni dove
Tu sei l'eternità
Tu sei una stella, anzi di più

So quale fine ci spetta...
Te ne andrai, volerai via da me...
A me cosa resterà?
Il nulla, o forse, polvere di stelle...
Soffio di Chiara!

Tu sei la bellezza di un sorriso: l'assoluta bellezza

Sarà per questo che se penso alla grandezza del mondo vedo anche il tuo sguardo,
scorgo i tuoi occhi,
vedo te.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Levati

    Pioggia

    Agostana pioggia bagna gli occhi miei,
    la notte invade la mente mia,
    d'improvviso mi trovo indifeso
    i miei pensieri passano a fatica
    il tempo scorre...
    il ticchettio dell'orologio si perde nello scroscio dell'acqua sulle foglie

    Nel freddo della mia coscienza
    alberga ancora una calda coperta,
    ultimo baluardo dell'amor mio.
    Già intravedo l'alba e l'illusione svanisce...
    Mi rendo finalmente conto che tu per me sei tutto
    Ma io, forse, per te sono niente.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Levati

      Sogno di una notte di mezza estate

      Seguo fiducioso la strada
      seguo ansioso la strada
      anelo orgoglioso il traguardo e mi scopro bugiardo
      così tra le scoscese vallate s'annega il pensier mio
      e temo
      e fremo
      e odo il fruscio delle mie paure come le foglie cadenti sul far della sera
      o cielo dimmi che fare
      dimmi cosa pensare
      poiché, di norma, chi ti vuole ti cerca
      chi ti vuole bene te lo dimostra...
      eppure ti scorgo in ogni cosa,
      ti penso così tanto che sei alla base del mio vivere,
      t'amo e me ne pento.
      Composta sabato 6 agosto 2011
      Vota la poesia: Commenta