Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Marco Giannetti

Impiegato, nato venerdì 20 ottobre 1961 a Galluccio (CE) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Marco Giannetti

Mai mi allontano

Mai m'allontano quando non sono con te e mai m'allontano quando vago nel cielo per trovare la stella che è in te.
Quando non mi sei accanto rivivo col cuore i tuoi baci, rivivo i tuoi occhi, rifiorisco fiori ormai secchi.
Sei in ogni mio deserto e sei in ogni posto dove c'è vita-
Sei vita, la mia vita, sei amore perché sei l'amore, sei tutto e nasci in ogni mio frutto.
Composta sabato 10 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Giannetti

    Palpebre

    Raccolgo negli occhi ciò che ora non vedo e, anche a voler aprire il cuore, resto da solo con il niente.
    Suffragio di palpebre intrise di pioggia, sanno di sale, sanno dolore, non fanno male ma fanno soffrire.
    Io non apro il cuore, forse lo farò, mi aprirò al nuovo sole, quel sole che mai brucia e che saprà scaldare il mio gelido cuore.
    Si, forse lo farò.
    Composta lunedì 29 giugno 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Giannetti

      El cantico de My corazon

      Ninguno la amará como la amo yo.
      Podrás calentarte cerca de muchos fuegos., no será nunca el mismo ardor.
      Te encontarrás en los mejores años,, joven y fuerte, capturaste mi corazón con una mirada, dando origen a una llama.
      La armonía de palabras simples, pronunciadas por tus labios con la ternura de los años.
      Te protegí con la certeza che un dia habré encontrado a mi amado.
      Esa pequeña llama que se encendió en nuestros corazones ha continuado débilmente a dar vida a nuestra unión, lejos de nuestros ojos y fiel a nuestros principios.
      Te respiré con el aire de una montaña, distendida en el pasto con el perfume de la primavera.
      Las suaves caricias de los rayos del sol me calentaban la cara y nunca quisiera olvidarme esas sensaciones.
      Sentí tu regreso amado mío
      Al ponerse el sol, quel dia inicio  a la primavera avivando la llama que en mi parecía solo cenizas, dando la posibilidad de iniciar una nueva vida. EL AMOR
      Composta martedì 28 gennaio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Giannetti
        Nessuno mai t'amerà come ti amo io.
        Potrai scaldarti vicino a diversi fuochi, non sarà mai lo stesso ardore.
        T'incontrai negli anni migliori, giovane e forte, catturasti il mio cuore con uno sguardo, dando origine a una fiamma.
        L'armonia di parole semplici, pronunciate dalle tue labbra con la leggerezza di quegli anni.
        Ti custodii con la certezza che un giorno avrei ritrovato il mio amato.
        Quella piccola fiammella che si accese nei nostri cuori ha continuato debole a dar vita al nostro legame, seppur lontani ai nostri occhi e fedeli ai nostri principi.
        Ti ho respirato nell'aria di montagna, distesa su un prato tra i profumi della primavera.
        Le carezze lievi dei raggi del sole mi scaldavano il viso e mai avrei voluto lasciar quelle sensazioni.
        Avvertivo il tuo ritorno mio amato.
        Al calar del sole quel giorno di inizio primavera ravvivasti quella fiammella che in me sembrava quasi cenere, lasciandoti donare una nuova vita... l'Amore.
        Composta mercoledì 21 gennaio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Giannetti

          Quando la terra trema

          Quando la terra trema non ce la fai a camminare,
          si fermano i passi, si fermano gli occhi, si fermano i cuori.
          Senti l'abbaiare dei cani, un abbaiare disperato,
          un lamento per ciò che ancora deve accadere.
          Crollano massi, crollano gioia, speranza e vanità.
          Crollano i pesi del sacrificio, cade la soma di una vita.
          Il cielo non è più azzurro e tutto diventa nero.
          I colori del giorno prima diventano scarabocchi senza carta,
          diventano gocce salate su visi rugosi di pelle vissuta.
          Quando la terra trema cerchi conforto, cerchi un sorriso,
          cerchi tutto ciò che hai perso, cerchi nel cuore dell'uomo ciò che vuoi ricostruire.
          Doniamo un mattone, mettiamoli insieme, uno sull'altro,
          alziamo le coscienze, costruiamo una casa comune,
          la casa del cuore, per chi non ha più un tetto, ma ha un cuore in petto.
          Composta giovedì 7 giugno 2012
          Vota la poesia: Commenta