Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marco Bartiromo

Artista, nato martedì 15 dicembre 1959 a Portici(NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Bartiromo

Amare...

Felicità intravista
sognata in lontananza
su labbra sorridenti
ed occhi ingannatori,
dall'alto di un terrazzo
che fà da mediatore,
ispiratore intrinseco
di un facile desio,
amare da lontano
qualcuno che non c'è
che non potrà mai esserci
ma è chiuso dentro te,
non bastano le onde
i baci e le carezze,
per cancellare il morbo
racchiuso nella mente
ma è bastato amarti
per perdere anche te.
Composta venerdì 27 agosto 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Bartiromo

    N' attimo dd'ammore (Un attimo d'amore)

    Suspire 'e vas'
    carezz' appassiunat'
    'a mente nun ragion'
    'e nun vò cchiù pensà
    'o tiemp' sè fermat'
    è tutt' nu' silenzio
    me nfong' dint' 'a l'acque
    'e chistu mare blu
    'e bbraccie sò macign'
    ca' scavan' cu' forza
    pè scennere cchiù n'funn'
    fin' 'a ll'immensità
    'a frennesia me piglia
    respir' 'a mallappena
    ma nun me perd' nient'
    'e st' attimo dd'ammore.

    Sospiri e baci
    carezze appassionate
    la mente non ragiona
    e non vuole più pensare
    il tempo si è fermato
    intorno solo silenzio
    mi bagno in queste acque
    di questo mare blu
    le braccia sono forti
    e scavano con forza
    per scendere più in fondo
    fino all'immensità
    mi prende la smania
    respiro a malapena
    per non perdere niente
    di questo attimo d'amore.
    Composta domenica 9 maggio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Bartiromo

      'O ffuoc' dint' 'e ven' (Il fuoco nelle vene)

      Pe' pute' apprezza'
      'e mument' cchiù bbell'
      ca' chesta vita te da'
      'o core s' adda sciogliere,
      comm' 'a na' cannela
      ca' se' squaglie
      'a poco.....'a poco
      co' calore 'e chistu ffuoc'
      ca' bbrucia dint' 'e vene.

      Per poter apprezzare
      i momenti più belli
      che la vita ti regala
      il cuore si deve sciogliere
      come una candela
      che si consuma
      piano, piano
      con il calore di questo fuoco
      che brucia nelle vene.
      Composta sabato 29 maggio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo

        Senza pagare

        Il freddo mi prende questa sera
        la pioggia che batte, sui vetri del tram
        poche persone sono salite
        col viso triste, di chi non gradisce
        l'andazzo continuo di questo grigiore.
        La tipa mi guarda, lanciando un sorriso
        rispondo cortese ma giro la testa
        non ho tanta voglia di fare amicizia
        la noia mi prende e mi sento depresso.
        Appoggio la testa e chiudo un po' gli occhi
        e mentre il rollio mi culla deciso
        vengo sorpreso da un sonno leggero.
        Lo stridere secco del freno motore
        mi fà sobbalzare, mi sveglio impaurito
        e resto abbagliato dai raggi del sole
        che splende nel cielo, con fare altezzoso.
        L'aria è cambiata, fà un caldo bestiale
        la gente in costume che scende veloce
        rimango perplesso e guardo dal vetro
        un mare stupendo mi appare davanti
        non sò cosa fare, rimango seduto
        e guardo la tipa che ride gioiosa
        mi viene vicino, mi prende per mano
        mi guarda negli occhi e sussurra piano:
        "siamo arrivati nel posto fatato
        dove la mente ha un grande potere
        viaggiare sognando, senza pagare".
        Composta mercoledì 5 maggio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Bartiromo

          Il tuo ritorno

          I giorni passano veloci
          gesti normali, solite manie
          la sveglia, la tracolla e corri via
          un timbro che ti dice che sei vivo
          e aspetti l'ora per tornare a casa
          una catena di monotonia
          con regole dettate e orari fissi
          che prima non mi davano pensieri
          quando mi svegliavi col sorriso
          e mi portavo il tuo profumo addosso.
          Adesso non rimane che il ricordo
          di quell'amore chiuso nel cassetto
          ma a volte, penso al tuo ritorno
          agli occhi tuoi che chiedono perdono
          spiegandomi di come possa chiudersi la mente
          quando la gelosia si fà presente
          di come non si guardi più al futuro
          se un chiodo ti comprime nella testa,
          fermarsi dentro l'aria di parcheggio
          piantare le radici nell'asfalto
          e credere di essere persuasa
          su piccoli dettagli inesistenti.
          In questo caso cerco di capire
          di come reagirei a tutto questo
          e non trovo risposta prematura
          ma sò che se tu fossi qui davanti
          e lacrime vedrei dentro i tuoi occhi
          ti butterei le braccia al collo
          e tornerei a sognare come prima.
          Composta venerdì 7 maggio 2010
          Vota la poesia: Commenta