Le migliori poesie di Marco Bartiromo

Artista, nato martedì 15 dicembre 1959 a Portici(NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Bartiromo

Il lago dei sogni

Il sole si spegne
il rosso accende la fantasia
rigoli di fumo
si specchiano sull'acqua
si avvolgono e si ritraggono
... come tornadi lontani...
formano figure strane
disegni della mente
onde sinuose
ricordi lontani
forme di oggi
percorsi del domani
corpi sconosciuti
volti mai visti
una magia di colori
e di poesia
con gli occhi incantati
mi perdo
in un quadro della mia fantasia.
Marco Bartiromo
Composta giovedì 19 novembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Bartiromo

    Solo per te

    Solo per te
    ho conosciuto
    i mille volti della Luna.
    Afferrando la sua mano
    ho seguito l'orbita della pazienza,
    completamente immerso
    nel cielo della vita.
    Frammenti di stelle
    hanno illuminato i pensieri,
    conducendomi,
    in un deserto di silenzi...
    Solo per te,
    rallentando i passi,
    ho combattuto la ragione,
    affannando nel cammino.
    Mi sono nascosto,
    dall'eclissi del cuore,
    alternando i battiti,
    tra ansie e paure.
    Ho aperto le ali,
    riparando le piume
    e volo...
    solo per te.
    Marco Bartiromo
    Composta martedì 10 gennaio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Bartiromo

      La mia casa sei tu

      Dolce,
      è il mio risveglio,
      se attraverso quello specchio,
      riflesso dai tuoi occhi,
      ci troverò l'aurora
      disegnata sul mio viso.
      Due diamanti incastonati,
      tra pupille fluorescenti,
      due fari luminosi,
      che mirano lontano,
      illuminando l'alba,
      nei miei occhi arrugginiti.
      Dolce,
      è il mio cammino,
      se lungo quella strada,
      spianata dai tuoi passi,
      mi scaldo di quel sole,
      che brucia sulla pelle.
      Due labbra sorridenti,
      tra guance colorate,
      la porta di salvezza,
      che apre alla speranza,
      inondando il giorno
      di emozioni mai provate.
      Dolce,
      è la mia vita,
      se tu mi sei vicino,
      brillando nel mio cielo,
      di una luce infinita,
      facendo della notte,
      l'alcova preferita.
      Entro nel tuo cuore,
      portando il mio calore,
      rendendo la mia casa,
      un nido d'amore.
      Marco Bartiromo
      Composta martedì 18 ottobre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo

        Sono cose mie

        Ci sono giorni che
        dovrebbero finire ieri
        o non arrivare mai.
        Ci sono giorni che
        sono passati veloci
        bolliti, insapori.
        Ci sono giorni
        piccanti.
        Che fanno male.
        Ci sono giorni
        pieni d'amore
        che vorresti non finissero mai.
        Ci sono cose
        che prendono una piega diversa
        da come dovevano andare
        e fanno la bocca amara.
        Ci sono cose
        che non ho fatto
        per mancanza di tempo
        e mi chiedo:
        Ma dove ho perso il mio?
        Dove l'ho lasciato?
        Ma poi
        penso ai momenti speciali
        che ho visto e vissuto
        che fanno bene al cuore
        ma che forse
        vedo e vivo solo io
        forse perché interessano a me
        forse solo perché
        ... sono cose mie!
        Marco Bartiromo
        Composta martedì 27 aprile 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Bartiromo

          Pagine di te

          Con la poesia
          trovo la mia voce...
          scrivo tante cose,
          fisse nella mente...
          Nei versi, stigmatizzo,
          semplifico, enfatizzo...
          se voglio criticare,
          oppure biasimare...
          ma poi la metto in rima
          e cerco di elogiare,
          se il mio componimento,
          esalta la bellezza...
          Il canto può variare,
          dipende dall'umore,
          dal suo intercalare,
          con la mia fantasia...
          I sogni, i desideri,
          mi fanno vagheggiare
          ed io prendo la penna
          e cerco di creare...
          Se poi vuole parlare
          la voce dell'amore,
          l'inchiostro si trasforma,
          in petali di rose,
          che dolcemente sfiorano,
          le corde del mio cuore...
          Parole delicate...
          che lasciano colori,
          su pagine di te!
          Marco Bartiromo
          Composta sabato 12 febbraio 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di