Scritta da: ania

La tragedia del grido

Lo spettacolo è appena finito
il sipario è calato;
ma ecco che le marionette
sbucando ai lati del teatro
animate e vive
si muovono senza fili
agli occhi stupiti dei presenti:
stanno recitando una tragedia
la tragedia del grido
urlando "Vita" all'unisono.
Poi, stufe del loro mestiere,
spariscono nel buio del boccascena.
E il pubblico, meravigliato, non osa fiatare.
Ma tra la folla
una bambina si alza
volta lo sguardo intorno
stende le mani
e applaude.
Luisa Marinelli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ania

    Fiesta

    Folgore di tutto punto
    danzano le Ore intorno
    favola antica, una ninfa plebea
    accosta l'anima all'orecchio del diavolo.
    Vorrei immaginare una colomba errante
    ma un topo di fogna invade i pensieri.
    Luoghi lontani, asce decadute
    brilla la statua del re Salomone.
    Ma nessun pesce sporge dall'acquario
    nessuna tartaruga osa camminare
    oltre il territorio proibito.
    Un balzo ed eccoci qua
    a rimirar l'ombra dei caduti ignoti.
    Acqua bollente sprizza da una lancia
    infilza il sacro cuore dei tuoi amori patiti.
    Un eroe stiamo aspettando
    uno stupido ed inaspettato eroe.
    "Io, io" gridano le voci
    giammai rivedrei i loro squallidi volti
    invasi dall'egoismo.
    Fuori da questa volta
    ecco il regno proibito
    invita al canto un leggiadro amorino.
    Ooooo
    vento vocale che tutto riempie
    apre le sue note per lo Spettacolo finale.
    No spettatori, niente applausi,
    richiede il primo attore lo scordato spirito!
    Rami divincolati nella selva selvaggia
    funi rampicanti strozzano la vita.
    Uno spiraglio di luce anima la serata
    che spenge la sua fiamma, ahimè,
    sul riso di chi non ne vuole sapere.
    Giornate divine e passeggiate in festa
    il menù del mattino
    fa gola al cieco improvvisante.
    Bandita la tavola
    è dato avvio allo svago
    ma lui
    all'angolo della Terra,
    rannicchiato nei ricordi,
    solo con i suoi lamenti
    solo con il suo cuore.
    Luisa Marinelli
    Composta lunedì 20 maggio 2002
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di