Scritta da: Luigi Totaro

Maggio

Comm' so belle ' e matenate a maggio :
nu venticiello 'e primmavera malandrino  
accarezza 'e rrose e i sciori int'o ciardino
riva riva o mare na barca già veleggia

'O mare "ncrespatello "pe la brezza
lento va vers'e scogli  a la marina
je da nu vaso,fa un po' d'ammuina
poi se jetta 'ncopp 'a sabbia e l'accarezza

'O cielo sfumma int 'o celeste chiaro
A terra co'o primmo sole fa'a sciantosa
L'evera'a matina ca rugiada è 'nfosa
Tira 'a rezza e canta 'o marenaro

Comm' so 'ddoce 'e nuttate a maggio
'O scuro dura poco… ma so troppo belle
'o cielo mette 'o manto trapuntato 'e stelle
e co mare se vasa e……amoreggia

'A luna  stenne na fascia argiento fina
Na varchetella ce scivola arint'  doce doce
Tutto è silenzio ! Se sente cantà sulo na voce:
è 'o marenaro ca pensa all'ammore…alla matina

Quant'è bello chistu mese 'e maggio!
Schioppan'e rrose,maturano 'e cerase
S'arapeno 'e feneste e 'o sole trase
e porta dell'està o primm'assaggio
Luigi Totaro
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Totaro
    Vurria svegliamme ampresso na matina
    e scuprì de tenè ventanni e meno
    senza pensieri ,ca capa fresca ,sereno
    senza cunfusione,senza ammuina
    Eppure ce so stati periodi 'e  serenità
    Pe ventanne 'e meno ce so pure passato
    ma 'a vecchiaia nun l'avevo  pruvata.....
    e pirciò nun l'aggio saput'apprezzà
    'O Pateterno se voluto piglia gusto
    Te da tutto quann' nun tiene mente
    o magnà quann nun tien 'e diente
    ma vi sembra  un comportamento giusto?
    P'apprezzà 'o journo ce vo 'a notte
    'A primmavera è chiù bella dopp nu brutt'vierno
    Che bella cosa se site sfasulate e pigliate 'o terno
    'E scarpe nove so chiù comode dopp 'e scarpe rotte
    P'apprezzà na cosa avite canoscere o cuntrario
    se no nun o putite fa o paragone
    Patetè...permettete....n'opinione
    Pecché 'd'a vita nun cagnamme o calendario?:
    Primma a vecchiaia pe poté apprezzà
    e ccose bbelle ca porta dopp'a gioventù
    -“e se dopp' a vecchiaia'a vita nun 'a tien chiù?”
    Lassamm fa a Dio ...ca ste cose e sape fa
    Luigi Totaro
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Totaro

      A papà

      Da nu poco 'e tiemp'....da che stongo malato
      me capita 'nnanz'a 'lluocchie de vedè  papà
      Vorrà dicere qualcosa? tene nu significato?
      A chi o vaco a chierere? chi  'o 'ssa?

      Appare ... me guarda ...ma non dice niente
      Vuoi dicere  qualcosa? e dimmela  papà
      Quann potevamo parlà liberamente
      nun l'avimm fatto ...sbagliann'... e ch'amma fà

      Quanto vurria mò parlà  cu tico
      Vurria ca tu me putessi cunziglià
      Nun l'ho detto allora ma mo t'ho dico:
      T'ho voluto e te voglio bbene!... Papà
      Luigi Totaro
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Totaro

        Pascua non è...

        Pascua non è l'ovo'e ciucculato
        'A palummella ddoce manco è
        Non si può confonne c'o buffet
        co'e specialità apposite priparate

        Pascua è la resurrezione di Gesù
        Una festa tutta quanta religiosa
        Oggi è diventata'n'ata cosa
        Troppa gente'nchiesa non va chiù

        Ma non rinuncia mai a fare festa
        anche se alla Fede ha rinunciato
        ognuno vo abballà ncopp o tiato
        ognuno vo sta affacciato a'na fenesta

        Ma oggi non è chiù comm'aiere
        senza soldi assai non si festeggia
        L'acqua è poca e a papera non galleggia
        'A fenesta adda esse chella'e'o gioelliere

        Per festeggiare ci vuole assai danaro?
        Embè! Chiedimmè u terno a Sangennaro
        Ruciulianno o munno se avutatò
        Sangennà fallo meno tunno e chiù quadrato!
        Luigi Totaro
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di